02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione

Andare per ... botti ... La domenica del vino. Il wine day, come si dice da quando "Cantine Aperte", che dopodomani festeggia i dieci anni di vita (e a battezzare l'iniziativa fu proprio la Toscana, da un'idea di Donatella Cinelli Colombini), è diventato un fenomeno internazionale. Mondiale. E la Toscana, terra di vini che anche gli americani ormai considerano ai vertici nel mondo, fa la sua parte. Sono 176 in tutta la regione le aziende che aderiscono all'iniziativa, per la maggior parte cantine. Case vinicole: grandi nomi antichi e blasonati accanto a produttori più piccoli ma non per questo meno impegnati sulla qualità. del prodotto, e ora dell'accoglienza: per chi aderisce, infatti, il patto con il turista diventa un patto di ferro. Le foglie di qualità Nasce domenica infatti il Club del turista del vino: in tutte le cantine visitabili si potrà avere il «passaporto» che certifica le escursioni in cantina, la Web News bimensile, una pubblicazione a scelta in un lotto di tre, una serie di servizi, privilegi e convenzioni, e soprattutto la certezza dell'accoglienza, della disponibilità, di locali adatti a degustare, tutti criteri stabiliti dal nuovissimo decalogo dell'accoglienza. E saranno «foglie di vite», come le stelle degli alberghi e le spighe degli agriturismi, a certificare i livelli di qualità dell'offerta. Una bevuta di solidarietà Giornata di turismo, di gite, di belle cose da vedere, di cose buone da gustare, in un matrimonio tra arte, cultura, storia, gastronomia e naturalmente vini. Ma sullo sfondo c'è anche la solidarietà. La cristalleria Fara di Colle Val d'Elsa ha prodotto i bicchieri che verranno venduti a 3 euro l'uno in ogni cantina. Il ricavato — secondo un accordo tra la delegata toscana del Movimento del turismo del Vino Gioia Milani e la Asl 7 Valdichiana — andrà a supporto delle famiglie di malati lungodegenti, tradotto in assistenzae in macchinari in tutto il territorio toscano. Trekking, danze e auto di charme Non solo vino, comunque, per una giornata che sa di festa di campagna. Qualche iniziativa. Nella piazza di Montespertoli si apre proprio domenica l'annuale Mostra dei vini della zona, alla 45.ma edizione. Nella zona del Montalbano, la Tenuta Cantagallo (0571-910078) e la Fattoria Bibbiani (0571-57338) di Capraia e Limite organizzano il Trekking delle cantine, gita nei campi tra degustazioni e spiegazioni su colture e vinificazione. Alla fattoria Le Poggiola di Serravalle Pistoiese (0573-51071), festa dedicata alla tradizione e alla cultura contadina, con balli popolari e l'orchestrina di Claudio Cesaroni. Nella zona del Chianti Classico, l'Agricola Poggio Bonelli di Castelnuovo Berardenga (0577-355382) organizza una corsa podistica non competitiva in mezzo ai profumi dei campi. A Podere Terreno di Radda in Chianti (0577-738312) si terrà un raduno di affascinanti Mg spider. Nella zona della Val d'Orcia, alla Fattoria del Colle di Donatella Cinelli Colombini a Trequanda (tel. 0577-662108), una mostra con borsa-scambio delle etichette; possibile anche una visita all'abbazia di Monte Oliveto Maggiore. La Strada del Vino Chianti Rufina e Pomino (055-8397932) lancia invece la Privilege Card, chiave di accesso privilegiata al territorio, alle cantine, ai ristoranti (10% di sconto su acquisti e pranzi). Informazioni e siti web Per sapere come raggiungere le 176 cantine aperte domenica nelle 16 zone di produzione della Toscana, la segreteria da chiamare è a Podere Terreno, 0577-738312. I siti internet: www.movimentoturismovino.it oppure www.chiantinet.it. Tutto il programma si trova in un inserto allegato alla rivista Gola Gioconda.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su