02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione

Toscana contro Bordeaux: duello al Salone del Vino di Torino ... La disfida di Barletta…a colpi di calici. Toscana sfida Bordeaux, un duello da far tremare i polsi. Impensabile fino a pochi decenni fa. Accade domenica, al Lingotto Fiere di Torino: è uno degli eventi del Wine Show, la grande novità che Alfredo Cazzola importa dal suo MotorShow bolognese. La prima giornata di questa terza edizione del Salone del Vino – da domani a mercoledì, 1.207 espositori su 52mila metri quadrati e un calendario fittissimo di appuntamenti – è aperta al pubblico: non proprio a tutti tutti, però: è il grande salotto degli “enoappassionati” che si sono selezionati via e-mail o grazie alla segnalazione di enoteche, wine-bar, cantine, movimenti. Insomma, i rappresentanti di un popolo stimato in sei milioni di italiani tra i 26 e i 45 anni, che cercano e consumano a frequenza crescente etichette di qualità. Pagheranno 25 euro per entrare, avranno una giornata tutta per loro in mezzo al più bel mondo del vino italiano. Infatti il pubblico avrà a disposizione per la degustazione oltre 5mila etichette, potrà assistere a due degustazioni evento tenute da Claude Boudamani e da Manel Plà che faranno assaggiare il vino accompagnandosi con musiche, luci e colori, potrà abbinare Vino e Sigari a cura dell'Eti e a decine di tasting d'eccellenza. E uno dei clou della giornata inaugurale sarà appunto la Grande Sfida. Dodici le griffes che si affrontano. La «squadra» tricolore è tutta senese, capitanata dalla Camera di commercio: Castello di Ama, prestigiosa cantina del Chianti; Castello Banfi, la più grande realtà di Montalcino, che festeggia i 25 anni proprio nei giorni del Salone con un altro grande evento; Tenuta di Trinoro, una “griffe” che proprio in Francia vanta una legione di estimatori; Biondi Santi, insomma la storia del Brunello; sempre da Montalcino, la Tenuta di Argiano; Boscarelli, la tenuta del marchese De Ferrari a Montepulciano. Ma non sarà la sola “sfida”. Di rilievo è anche la degustazione “Bere sotto i 12 euro”, affidata ai vini con un ottimo rapporto qualità-prezzo: cantine coma Rocca delle Macie di Castellina, Donatella Cinelli Colombini e Fattoria dei Barbi di Montalcino, Belladonna di San Quirico d'Orcia, gli Agricoltori del Chianti Geografico di Gaiole, e un “big” come Banfi, tanto per citare le più note. Il Colorino della Tenuta Il Corno di San Casciano Val di Pesa sarà invece protagonista di «Buono...ma non lo conoscevo» dedicato ai vitigni autoctoni rari. Ma il Wine Show è anche passerella per vip: madrina è Carole Bouquet, che presenta con Gérard Depardieu un intrigante Passito di Pantelleria; al Gambero rosso è ospite fisso Piero Chiambretti mentre su palcoscenici itineranti si alternerà la “banda Zelig”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su