02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione

Gusti d’Italia ... È rimasto timido perfino lui, Gualtiero Marchesi, abituato com’è a stare sotto i riflettori, a lavorare ai fornelli stando sempre un passo davanti a tutti. Immaginarsi i suoi colleghi, anch’essi premiati dal ministro Michela Brambilla, a Milano, come ambasciatori del buono e del bello dell’Italia e della sua cucina. Con tre regioni - Lombardia, Emilia-Romagna e Toscana - a brillare con le loro stare i loro ristoranti plurititolati: da Carlo Cracco a Massimo Bottura, da Paolo Lopriore ad Antonio Santini, da Ezio Santin ad Annie Fèolde.
Grandi nomi alla “Giornata Mondiale del Turismo 2011”, quasi a esorcizzare il pessimismo che impera nel resto dell’economia. E se c’è una ragione che più di altre è sembrata sedurre i consumatori, italiani e stranieri, è proprio quella della “buona tavola”. Numeri che parlano: a capeggiare la bit parade del turismo enogastronomico (cresciuto del 66,2%), Toscana (15,9% degli arrivi), Emilia Romagna (10,6%) e Puglia (8%). E, giusto per mettere i paletti, ministro ed esercenti hanno firmato un protocollo d’intesa per impegnare i ristoranti a rispettare regole precise: più trasparenza sui prezzi, lotta alle “formulazioni fallaci”, “customer satisfaction” per dare modo agli ospiti dì esprimere giudizi. E ancora: iniziative per ridare vita alle “ricette perdute” della gastronomia italiana e per convincere l’Unesco a inserire alcune tradizioni culinarie di casa nostra
- su tutte, la vera pizza - nella lista del “Patrimonio immateriale” dell’Umanità. Una chicca su tutte: se anche quest’anno il cibo si conferma come la prima motivazione di viaggio verso l’Italia da parte degli stranieri, i più sensibili all’argomento sono risultati gli orgogliosissimi
francesi. All’Eliseo devono esserci rimasti male.


Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli