02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica / Affari & Finanza

Cantine Pellegrino, in Vietnam e Corea tagliando gradi alcolici ... L’azienda di Marsala è specializzata in vini dolci, vuole arrivare al 40% di ricavi realizzati con le esportazioni e studia come adattare i prodotti ai gusti internazionali... Fronteggiare la crisi dei consumi grazie ad un cocktail fra export ed innovazione di prodotto. E’ questa la ricetta adottata dalle Cantine Pellegrino fondate a Marsala nel lontano 1880 e da 130 anni in mano alla stessa famiglia (ma la successione è quasi sempre avvenuta per via femminile). E così mentre nel 2009 le aziende italiane del settore vinicolo hanno fatto registrare cali di fatturato fra il 5% e il 10% le Cantine Pellegrino sono cresciute del 5,7%, a oltre 22,5 milioni di ricavi. Mentre per il 2010 il consigliere delegato Benedetto Renda si attende un aumento compreso fra l’1% e il 2%. Quanto alle esportazioni dovrebbero passare dal 33,6% al 38% delle vendite: “E per il 2011 - precisa Renda - puntiamo ad ottenere dall’export almeno il 40%”. Sul mercato interno, il fatturato dell’etichetta marsalese dipende soprattutto dal successo dei vini dolci: basti considerare che i vini di Pantelleria rappresentano il 43%, i vini dolci di Sicilia il 17%, mentre i vini Marsala il 18% e i vini bianchi e rossi il 22%. E infatti l’accordo siglato l’anno scorso per la distribuzione dei vini della Carlo Hauner (leader nella Malvasia di Salma) ha contribuito alla tenuta del gruppo sul mercato nazionale. Per il 2011 Benedetto Renda punta invece parecchie carte sul mercato Usa dove Cantine Pellegrino ha creato una società di distribuzione assieme ad un’azienda vitivinicola veneta e ad una emiliana. Fra le carte da giocare “Antipodes”, un nuovo vino rosso creato assieme ad un team di enologi neozelandesi. L’obiettivo: testare un prodotto vicino al gusto dei mercati anglosassoni. Ma non basta. Il gruppo intende pigiare sul pedale dell’export anche in Europa, non solo sui mercati tradizionali come Gran Bretagna, Svizzera e Germania ma soprattutto nell’est a cominciare dalla Polonia. Un discorso a parte merita l’Asia. Emblematica la decisione di sbarcare in Vietnam, un paese in rapida crescita con 80 milioni di abitanti. Mentre per la Corea è stato messo appunto da Cantine Pellegrino un prodotto nuovo di zecca cioè un vino dolce e frizzante a bassa gradazione alcolica (6,5 gradi) che sta riscuotendo un discreto successo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli