02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica

Radical Barolo ... Dove vanno a finire gli ex segretari del partito radicale quando si allontanano definitivamente da Marco il guru? Il caso di Giovati ai Negri dovrebbe confortare Daniele Capezzone in rotta con il Capo. Negri, infatti, non se la passa niente male: produce Barolo nella sua azienda in provincia di Cuneo e guarda con sereno distacco alla politica di oggi: “Adoro la nuova via en rose dei radicali, adoro anche la Bonino, spero che aiuti il titolo italiano ad affermarsi all’estero”. Da “vignaiolo libertario e liberista”, ha messo su un progetto che si chiama “La Stazione di Montalcino” e l’ha presentato ieri a Roma invitando, con criterio bipartisan, Gianni Alemanno e Oliviero Diliberto. Negri ha pensato ad un treno che, da Roma e Siena, arrivi a Montalcino. Un percorso di pura godibilità, tra natura e vino, senza mai parlare di politica, di alleanze, di cartelli elettorali. Il collega Capezzone, presidente della Commissione Attività Produttive della camera, ma soprattutto ex collega del vignaiolo, pare molto interessato. Dovesse stancarsi di combattere in casa con Pan nella, ecco un percorso possibile. “Il vino - ha detto ieri - è una dell’eccellenze”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli