02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica

Addio a Giacosa, il re del Barolo che non volle vendere agli americani … Bruno Giacosa, uno dei migliori produttori di vino italiano, è morto ieri a 88 anni dopo una lunga malattia. Era “un gigante dei vini della Langa”, come lo definisce il rettore dell’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo, Andrea Pieroni, che cinque anni fa gli conferì una laurea honoris causa. Storico produttore di Barolo e Barbaresco di Neive, aveva iniziato a fare vino nel 1967. Fondatore dell’Azienda agricola Falletto e proprietario della Casa vinicola Bruno Giacosa, nel 2004 aveva passato alla figlia Bruna le redini di una griffe di culto del vino italiano conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. E lei le ha tenute ben salde quando l’imprenditore americano Kyle Krause tentò di comprare: “La nostra cantina non ha prezzo, non ho alcuna intenzione di vendere”. “Se ne va un enorme interprete di questo territorio - lo saluta il presidente di Slow Food, Carlo Petrini - capace di tradurre, nei suoi vini pressoché perfetti, tutto ciò che di meglio le colline di Langa e la sua gente sanno offrire”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli