02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
IL PREMIO

“La Stirpe del Vino”, il libro di Attilio Scienza e Serena Imazio vince il Premio Biblioteca Lunelli

Il primo riconoscimento in Italia dedicato ai libri sul vino premia il volume che racconta, come in un romanzo, i legami di parentela tra vitigni
ATTILIO SCIENZA, PREMIO BIBLIOTECA LUNELLI, SERENA IMAZIO, Italia
“La Stirpe del Vino” di Attilio Scienza e Serena Imazio vince il Premio “Biblioteca Lunelli”

I legami di parentela dei vitigni, complessi proprio come quelli di ogni famiglia che si rispetti, raccontati e ricostruiti come in un romanzo in “La Stirpe del Vino. Nobili ascendenze e incroci bastardi dei vini più amati”, volume firmato a quattro mani da Attilio Scienza, tra i massimi studiosi di viticoltura al mondo e docente all’Università di Milano - 350 pubblicazioni scientifiche e 15 libri all’attivo - e dalla biologa Serena Imazio per Sperling & Kupfer, che, per la prima volta, ricostruiscono la famiglia del vino, muovendosi tra analisi del Dna, archeologia, antropologia, mito e letteratura e ripercorrendo l’origine e la storia dei grandi vitigni. E che è valso loro l’assegnazione del Premio “Biblioteca Lunelli”, il primo riconoscimento in Italia rivolto a libri nei quali il protagonista è il vino, emanazione culturale della famiglia alla guida di Ferrari, leader della spumantistica italiana.
La giuria, presieduta da Marcello Lunelli, è composta da Oscar Farinetti, Chiara Maci, Matteo Marzotto, Alessandro Saviola, Andrea Segrè e Fabio Tamburini, scelto di premiare, quindi, il volume scritto a quattro mani, perché “in poco più di 200 pagine - motiva - districandosi tra analisi del Dna, mito, archeologia e antropologia ricostruiscono con scrittura lieve e affascinante lo straordinario cammino della vite che da selvatica che era si esprime oggi in una miriade di vitigni; un libro importante che fruga nel passato e sa scrutare nel futuro”, selezionato tra i finalisti, “Marsala, il vino di Garibaldi che piaceva agli inglesi” (Kellermann Editore) di Angelo Costacurta e Sergio Tazzer, “Il mistero del Barolo” (edito da Utet) di Giovanni Negri, “Si pubblica il sabato” (Edizioni Unione Italiana Vini), a cura di Giulio Somma e “Stappato. Un astemio alla corte di re Carlo” (edito da Baldini&Castoldi) di Tiziano Gaia.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli