02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

LEGGE STORICA PER GLI USA: E’ L’“HEALTHY HUNGER-FREE KIDS ACT”, VOLUTA DALLA FIRST LADY MICHELLE E FIRMATA DAL PRESIDENTE OBAMA PER GARANTIRE AI BAMBINI LA SANA ALIMENTAZIONE. 4,5 MILIARDI DI DOLLARI PER MIGLIORARE LA QUALITA’ DELLE MENSE SCOLASTICHE

Non Solo Vino
Nessuna didascalia

Migliorare l’alimentazione dei bambini americani nelle mense scolastiche attraverso un provvedimento da 4,5 miliardi di dollari che servirà ad aumentare il numero e la qualità dei pasti gratuiti serviti nelle scuole: ecco l’Healthy Hunger-Free Kids Act, la storica legge firmata oggi dal presidene degli Stati Uniti Barack Obama, per una cerimonia in una scuola di Washington, davanti agli alunni della Harriet Tubman Elementary School, per garantire una sana alimentazione ai bambini americani, introducendo nuovi criteri nutritivi a cui si devono attenere le mense scolastiche d’America, e che, spiega lo stesso presidente, “non farà aumentare il deficit di un solo dollaro, sarà finanziata in parte da una riduzione dei buoni pasto. Oggi - ha detto Obama - è un gran giorno per i ragazzi di questo Paese, perché presto avranno cibo più leggero, nutriente e salutare nelle loro scuole”. La legge è stata una grande battaglia della first lady Michelle, che si è sempre spesa per l’alimentazione sana dei bambini, dichiarando guerra all’obesità.

L’introduzione della nuova legge traduce in termini concreti un messaggio che la first lady sta portando avanti da oltre un anno: insegnare ai bambini americani e alle loro famiglie che mangiare sano fa vivere meglio. Per la prima volta nelle scuole americane saranno fissati degli standard sulla qualità di tutti i cibi venduti, anche quelli dei distributori automatici. Inoltre è previsto un aumento dei rimborsi (per la prima volta in 30 anni) sui pasti consumati, pari al 6%. “Per i bambini e i ragazzi questo è un grande giorno”, secondo il segretario all’Agricoltura americano Tom Vilsack. La legge è stata approvata ad agosto in Senato quasi all’unanimità, mentre alla Camera è passata con 264 voti favorevoli e 157 contrari.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli