02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
TURISMO

Lontano dalle città, e nei territori del vino: ecco l’estate in vacanza dei camperisti italiani

A contatto con la natura e rispettando il distanziamento sociale: boom dei camper nelle strade, con Soave tra le mete preferite
CAMPER, CAMPERISTI, DISTANZIAMENTO SOCIALE, ESTATE, GALLURA, SOAVE, TERRITORI, TROIA, VACANZE, vino, Italia
Soave, tra le mete dei camperisti per l’estate 2020

Simbolo di un turismo slow, andati quasi scomparendo negli ultimi anni, i camper tornano a popolare le strade italiane. Ed il motivo è intuitivo, quanto semplice: godere di una vacanza lontano dalla città, garantendo ai nuclei familiari il distanziamento sociale dagli altri, ed a contatto con la natura ed i territori più belli del Belpaese. Gli stessi che, spesso e volentieri, custodiscono - e non è un caso - le più importanti denominazioni del vino, più o meno prestigiose, ma indubbiamente ricche di fascino. Così, tra l’1,2 milioni di turisti che, secondo l’Associazione Produttori Caravan e Camper, sceglieranno il camper per le loro vacane estive, spopolano le mete enoiche, come Soave, borgo medievale della provincia di Verona circondato dalle colline vitate Patrimonio dell’Umanità per la Fao (Giahs), da cui nasce uno dei bianchi più prestigiosi della viticoltura italiana, da terreni di origine vulcanica che ne contraddistinguono lo stile unico, minerale. Ma anche Troia, in Puglia, che dà il nome ad uno dei vini più rappresentativi del tavoliere, il Nero di Troia. E ancora Aggius, nel cuore della Gallura, in Sardegna, a 514 metri sul livello del mare, dove si producono Vermentino e Cannonau, e Gradara, nelle Marche, zona di produzione della Doc Colli Pesaresi.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli