Slow Wine 2024
Allegrini 2024

L'Unione Sarda.it

E-commerce al servizio delle aziende vinicole: talk show al Porto Cervo Wine & Food … Prosegue la rassegna dedicata all’enologia. Domenica previsto un workshop i segreti del vino legati alla salute e all’eros… “E-commerce: nuove tecnologie a sostegno della vendita – I nuovi mezzi di comunicazione e la vendita del vino: un rapporto giovane da comprendere e sviluppare”. Questo il titolo del talk show tenutosi nel corso della terza giornata del Porto Cervo Wine & Food Festival, rassegna organizzata dall’Area Costa Smeralda, gestita da Marriott International, per conto di Smeralda Holding. All’evento, presso La Pergola in Giardino, nella piazzetta di Porto Cervo, hanno partecipato Galliano Cocco, docente in Strategia della comunicazione aziendale dell’Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara; Maurizio Mattucci, assistente alla cattedra di Strategia della comunicazione aziendale nell’Università “G.D’Annunzio” di Chieti-Pescara; Antonio Prati, senior buyer di Tannico; Francesco Magro, fondatore di Winelivery; Alessandro Regoli, direttore di WineNews. Maurizio Mattucci ha spiegato che “assistiamo a una accelerazione digitale e una rivoluzione tecnologica nel mondo del vino, che coinvolge anche i canali di vendita, a partire dall’e-commerce che vale 48 miliardi complessivamente, dei quali 33 relativi alla sola vendita di prodotti, tra i quali c’è anche il vino. Questa è una generazione che comunica su molti canali, il futuro è quello dove i nuovi target di riferimento nel mondo del vino vivranno esperienze all’interno dei mondi virtuali. I giovani considerano in modo molto positivo la sostenibilità ambientale, il marketing del vino non potrà non tenerne conto”. Galliano Cocco ha aggiunto: “La società dei consumi va avanti insieme all’evoluzione tecnologica, ma l’uomo agisce con l’emotività e non razionalmente, c’è nell’acquisto di un prodotto la proiezione di un desiderio, l’emozione vince sempre sulla testa. In qualsiasi forma si declini la comunicazione di un prodotto, è fondamentale metterci dentro la narrazione, raccontare una storia”. Antonio Prati di Tannico ha detto invece che “per le vendite essere presenti on line è obbligatorio: l’e-commerce supporta la crescita delle aziende anche sugli altri canali tradizionali. Il cliente è sempre lo stesso, va indirizzato su un canale piuttosto che su un altro”. Alessandro Regoli, di Winenews, ha voluto sottolineare una mancanza significativa nella vendita del vino: “Uno dei problemi del mondo del vino è che ha perso l’aspetto del racconto verso le persone che non fanno parte del settore dell’enologia. Manca il racconto della terra nel modo in cui lo facevano Soldati e Veronelli. Si sarebbe dovuto seguire la linea narrativa che loro hanno tracciato”. Infine, Francesco Magro di Winelivery: “Un milione e mezzo di utenti utilizza la nostra app, con una logica diversa rispetto al classico e-commerce, ci rivolgiamo alle persone nel momento del bisogno, non facciamo sconti e abbiamo prezzi superiori ma non depauperiamo il prodotto”.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Pubblicato su