02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GIORNATA MONDIALE AMBIENTE

Ministro Centinaio: "Italia Patria biodiversità, guidi la discussione mondiale sull'ambiente"

La plastica minaccia mari ed ecosistema. Dalla Giornata Mondiale dell’Ambiente il neo Ministro dell’Agricoltura dice “serve una svolta collettiva”
AMBIENTE, GIAN MARCO CENTINAIO, MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, Non Solo Vino
Il neo-Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Gian Marco Centinaio

La Giornata Mondiale dell’Ambiente lancia il messaggio di una sfida da vincere tutti insieme contro l’inquinamento. E in particolare quello legato alla plastica che ha invaso i mari e le spiagge di tutto il mondo. Un fenomeno che interessa ovviamente anche l’Italia visto che l’emergenza non ha risparmiato il Mediterraneo. Il neo-Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Gian Marco Centinaio ha sottolineato come l’Italia non solo è pronta a fare la propria parte, per ridurre l’uso di plastica e gli sprechi alimentari, ma anche ad avere un ruolo di primo piano. Ma per far funzionare le cose servirà la collaborazione di tutti, italiani in primis.
“Siamo la Patria della biodiversità - spiega Centinaio - unici al mondo per modelli produttivi capaci di unire storia, paesaggi e tradizioni. Ecco perché abbiamo una responsabilità in più e possiamo guidare la discussione, anche internazionale, in tema di ambiente ed economia circolare. Sono necessari strumenti nuovi di condivisione e investimenti concreti nei settori delle energie rinnovabili, contrasto al consumo del suolo, deforestazione. Questo vuol dire anche ridurre l’impiego della plastica come nel caso delle vaschette per alimenti e proseguire la lotta agli sprechi alimentari, dando vita alla catena virtuosa del riciclo. Prendersi cura della Terra passa anche dalla somma di gesti quotidiani e da una svolta collettiva. Su questi temi c’è l’impegno del Ministero che guido. Ma c’è bisogno anche di quello di tutti i cittadini. Lavoriamo insieme. Per cambiare”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli