02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

Il made in Italy va in Oceania. Un ponte per i paesi asiatici ... Il made in Italy fa rotta sugli antipodi. Nei paesi più lontani dall’Italia la crisi economica morde molto meno che in Europa e Usa. Così l’Oceania diventa la nuova meta su cui puntare. Con questo obiettivo il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Adolfo Urso, accompagnato dal presidente di Simest, Giancarlo Lanna e dal direttore generale dell’Ice, Massimo Mamberti sta guidando una delegazione di 50 imprese italiane in Nuova Zelanda e Australia.
Ad Auckland Urso ha aperto il
primo forum economico bilaterale. E’ stata l’occasione per presentare le
imprese italiane alla comunità d’affari
neozelandese. Si sono svolti circa 300
incontri business to
business. Le aziende italiane in missione in buona parte sono venete e marchigiane, attive soprattutto nei settori argenteria-oro, enologia, beni strumentali e meccanica, agroalimentare, trasporti, nautica ed energia. Nella capitale Wellington, Urso ha incontrato il ministro per il Commercio Estero, Tini Groser, quello per l’Energia, Gerry Brownlee e quello dei trasporti, Steven Joyce...

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli