02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

Quattro caffè, tre amari: 100 euro Scontrino salato a Venezia ... Comitiva di turisti a Piazza San Marco... Hanno lasciato Roma per andare a Venezia e si sono tolti la soddisfazione di sorseggiare un caffè nella più bella piazza del mondo. Ma hanno scelto un locale che offre in più il must della musica dal vivo e così il costo è presto fatto, ed è di quelli da togliere il fiato: 100,80 euro. E quanto hanno pagato sette turisti romani per concedersi il piacere di una tazzina, con correzione e amaro finale, ai tavolini dello storico bar “Lavena”. Dallo scontrino, che i clienti hanno postato in Facebook, si scopre che la voce più onerosa è quella della musica dal vivo, pari a 42 euro per 7 persone. Aggiungendo quattro caffè (26 euro), una “correzione” e tre amari si arriva a 100 euro. Prezzi che non sembrano turbare più di tanto la clientela che anche ieri affollava i tavoli esterni del locale, a fianco all’altrettanto blasonato “Quadri” e dirimpetto al caffè per eccellenza del “salotto buono” della città, il “Florian”. I titolari del Lavena non si scompongono. “Ai turisti viene dato il listino - spiega il direttore Massimo Milanese - nel quale sono indicati tutti i prezzi, compreso il supplemento di 6 euro per la musica dal vivo. Si tratta di un contributo per ogni prima consumazione”. Difende il locale anche Ernesto Pancin, segretario provinciale della Fipe, la federazione dei pubblici esercizi. “Se quei caffè e quegli amari i sette turisti - dice - li avessero presi cento metri più in là, fuori dalla piazza, avrebbero pagato un prezzo diverso”. Perché il problema è questo: “Stiamo parlando di un caffè bevuto nella più bella piazza del mondo - rimarca Pancin con orchestra dedicata. Lancio una provocazione: quel caffè sarebbe dovuto costare almeno 20 euro per i costi che hanno le nostre aziende. I capricci si pagano”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli