02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
FONTE ANSA

“Né il marchio né la società sono, allo stato attuale, in vendita”: lo precisa la Pernigotti

Dopo l’incontro con Conte e Di Maio l’azienda “conferma la decisione di cessare la conduzione in proprio delle attività produttive a Novi Ligure”
GIUSEPPE CONTE, LUIGI DI MAIO, PERNIGOTTI, Non Solo Vino
I mitici Gianduiotti Pernigotti

“Né il marchio né la società sono, allo stato attuale, in vendita”. Lo precisa la Pernigotti, all’indomani dell’incontro a Palazzo Chigi con il Premier Giuseppe Conte e il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio. L’azienda spiega di aver “confermato la decisione di cessare la conduzione in proprio delle attività produttive presso il sito di Novi Ligure e l’intenzione di terziarizzare in Italia la produzione, preferibilmente individuando partner industriali interessati all’acquisizione o alla gestione degli asset produttivi a Novi”.
Nell’incontro a Roma la Pernigotti “ha inoltre richiesto il supporto del Governo affinché favorisca la cessazione del blocco dello stabilimento di Novi al solo fine di consentire ai soggetti potenzialmente interessati di prendere visione degli asset e formulare proposte concrete di acquisizione del polo industriale o di utilizzo in toto o in parte delle sue linee produttive, nell’esclusivo interesse dei lavoratori stessi; di permettere al personale incaricato dall’azienda di accedere allo stabilimento allo scopo di prelevare scorte di prodotto per la loro commercializzazione”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli