02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SANA 2022

Numeri, appuntamenti, temi: tutto ciò che c’è da sapere sul Salone del biologico e del naturale

Italia leader del settore con 2 milioni di ettari coltivati bio. I temi strategici per il comparto animano “Rivoluzione Bio”
AGENDA, ASSOBI, BIO, Coldiretti, FEDERBIO, NATURALE, SALONE DEL BIOLOGICO, SANA, TREND, Non Solo Vino
Sana, il Salone del biologico e del Naturale

L’Italia, con oltre 2 milioni di ettari, è leader del settore delle produzioni biologiche: vanta la più alta percentuale di superfici bio sul totale, il 16%, contro il 10% della Germania e della Spagna, e il 9% della Francia, e detiene il primato in Unione Europea per numero di produttori biologici. Nel 2021 le vendite alimentari bio nel mercato interno hanno raggiunto 4,6 miliardi di euro e rappresentano il 3% delle vendite al dettaglio biologiche mondiali. Ecco i numeri con cui inizia il countdown per il Sana https://www.sana.it/home-page/1229.html, il salone del biologico e del naturale, in collaborazione con AssoBio, FederBio e Cosmetica Italia, con il supporto di Ice - Agenzia, di scena a BolognaFiere, dall’8 all’11 settembre, dove si disegna il futuro del mondo del biologico e del naturale.

Tornano gli Stati Generali del Biologico con “Rivoluzione Bio”, due giorni di dibattito tra istituzioni, esperti e player della filiera, con un confronto sulla nuova legge sul biologico e sui più recenti dati di mercato, organizzati da Nomisma: l’8 e 9 settembre, 4 sessioni dedicate ai temi strategici per il settore, con policy maker, esperti e professionisti. L’8 settembre si parlerà di politiche e strategie per il settore (ore 11) e di aggiornamenti dai mercati (ore 14.30). Il 9 settembre toccherà all’Osservatorio Sana: prima con i numeri chiave del mercato italiano (ore 10.30) e il pomeriggio con il bio Made in Italy nei mercati internazionali (ore 14.30).

Rivoluzione Bio” sarà, dunque, il luogo di confronto tra istituzioni, business leader ed esperti del settore, per facilitare la riflessione sul futuro del settore biologico attraverso la definizione delle azioni più efficaci in grado di sostenere il ruolo del settore biologico, reso sempre più centrale dal contesto attuale, nella transizione ecologica del nostro Paese e verso sistemi alimentari sostenibili; il dibattito e la promozione del Piano di Azione nazionale in grado di rispondere alle complesse sfide ambientali, sociali e climatiche del prossimo futuro; l’individuazione degli strumenti necessari per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di crescita del biologico in termini di offerta e consumi e parallelamente favorire l’aumento della consapevolezza rispetto agli standard e ai benefici dell’agricoltura biologica.

Tra i temi caldi, nello spazio Coldiretti, il ruolo dell’agricoltura biologica nella sfida del taglio dei consumi energetici per ridurre la dipendenza dal gas russo e resistere ai rincari dei prezzi scatenati dalla guerra in Ucraina che si ripercuotono a valanga dalle aziende agricole alla spesa delle famiglie. Nell’incontro in programma l’8 settembre, si parlerà di come combattere gli effetti dell’inflazione nel momento di fare la spesa con scelte di acquisto consapevoli e sull’impatto dei rincari energetici sulle scelte produttive e di consumo, ma sarà anche l’occasione per presentare l’analisi su “Il biologico alla guerra del gas”, con focus sull’impatto dei rincari energetici sulle scelte produttive e di consumo degli italiani.

Tra le novità, i nuovi approfondimenti tematici dell’Osservatorio Sana: mappatura dei numeri chiave della filiera: superfici, operatori in collaborazione e dimensioni della domanda con Sinab e Ismea; monitoraggio delle dinamiche della domanda nei canali di vendita con un nuovo focus dedicato all’Away From Home e all’eCommerce; valutazione delle performance del bio sui mercati internazionali: export, mercati di destinazione e prodotti esportati (con il supporto di Ice Agenzia - Piattaforma ITA.BIO); ampliamento dell’analisi con un focus dedicato al vino biologico e valutazione delle esigenze e dei comportamenti del consumatore finale alla luce dell’attuale scenario evolutivo.

Tre le macro aree della fiera, che accoglierà centinaia di buyer da 40 Paesi nel mondo, con una nutrita rappresentanza di operatori di catene di supermercati, distributori e leader del mercato bio: Food, con una panoramica completa sull’agroalimentare bio e naturale, comprensiva di nuovi trend, innovazioni e ricerche a favore di un’alimentazione biologica, sana e giusta; Care & Beauty, dove saranno presenti le aziende produttrici e distributrici di cosmetici, prodotti per la cura del corpo naturale e bio, integratori ed erbe officinali; Green Lifestyle, con una proposta di prodotti e soluzioni pensati per il consumatore che vuole uno stile di vita ecologico, sostenibile e socialmente responsabile.

Nuovo volto per la “Via delle Erbe”, l’iniziativa di Tecniche Nuove con il magazine “l’Erborista”, che si concentrerà sulle erbe blu, le piante che aiutano l’umore e il cui utilizzo attenua gli effetti del blue mood, lo stato d’animo caratterizzato da umore basso e tristezza, e che si articolerà in una mostra per valorizzare la storia, le proprietà e i benefici di alcune specie, come la lavanda, la passiflora, il mirtillo, il fiordaliso, e in un palinsesto di lezioni magistrali, con professionisti ed esperti di fitoterapia ed erboristeria, e di conversazioni tra aziende sponsor ed erboristerie, moderate da esperti del settore. Tra gli incontri, anche la presentazione di una ricerca di mercato condotta da Nomisma sul posizionamento e le prospettive per le erboristerie in Italia.

Torna “Sanatech”, il Salone professionale dedicato alla filiera della produzione agroalimentare, zootecnica e del benessere, biologica ed ecosostenibile che metterà al centro la filiera produttiva dell’agricoltura biologica, insieme alle tecnologie innovative del bio-controllo, alla zootecnia, all’agricoltura 4.0 e al packaging sostenibile. Non mancheranno convegni e incontri di approfondimento, rivolti soprattutto agli operatori e ai professionisti. Le iniziative in calendario consentiranno alla community di operatori e buyer del settore di confrontarsi sui temi di maggiore attualità e sulle nuove tendenze per il settore. Da segnare in agenda i due convegni firmati AssoBio, entrambi il 9 settembre: “Confezionamento e packaging: il ruolo della sostenibilità alla luce dei nuovi scenari evolutivi”, con la presentazione dei risultati di “Food: indagine sul packaging sostenibile” di Nomisma, che evidenzia il binomio prodotto - packaging sostenibile come aspetto fondamentale di coerenza; e “Le insidie del greenwashing: quando i cosmetici sono bio solo in apparenza”, che cerca di fare chiarezza sulle corrette strategie di comunicazione e sui relativi aspetti legali, individuando i punti chiave di una narrazione corretta della sostenibilità, per non cadere nella pratica del greenwashing. Infine, l’incontro dedicato a “Le prospettive del bio nella ristorazione”, con i numeri chiave del bio nella ristorazione collettiva.

Focus - Colazione e aperitivo: i momenti di consumo che scelgono il bio
Forte di un mercato mondiale dei prodotti food & beverage per la prima colazione che arriverà tra pochi anni a 730 miliardi di dollari (valeva già 400 miliardi nel 2020), Sana 2022 accenderà i riflettori su trend e caratteristiche del momento della colazione in alcuni Paesi del mondo. Per la prima colazione cresce la domanda di prodotti di qualità, sani e salutari, nutrienti e sostenibili, insieme al desiderio di ritagliarsi uno spazio di relax mattutino durante il fine settimana, preferibilmente out of home. Sana darà ampia visibilità alle moltissime novità di prodotto che le aziende del settore biologico mettono a disposizione del mercato, evidenziandone le valenze nutrizionali con l’aiuto di esperti di dieta ed alimentazione presenti nell’Area Breakfast in fiera. Cresce e cambia anche il rito dell’aperitivo, fenomeno di costume nel quale sempre più persone si concedono un’irrinunciabile pausa con gli amici prima del rientro a casa: a Sana saranno presentate a operatori e visitatori tutte le novità di prodotto del settore biologico per questo momento di consumo. Sana 2022 si occuperà di queste tendenze e delle loro implicazioni per i produttori e distributori di alimenti e bevande naturali e bio, e, per l’intero settore, dell’horeca e dell’hotellerie, attraverso specifici appuntamenti come cooking show, momenti di degustazione e formazione all’interno e all’esterno del contesto fieristico, organizzati in partnership con Confesercenti.

Focus - La mostra su food, care & beauty e green lifestyle
Dopo lo stop causato dalla pandemia, il Centro Servizi di BolognaFiere torna a ospitare la mostra dedicata alle ultime novità per food, care & beauty e green lifestyle: le aziende, da quest’anno, possono presentare le proprie novità in anteprima ai buyer stranieri, anticipando così quanto sarà ufficialmente messo in vetrina al Sana. I prodotti novità saranno un utile elemento di promozione di Sana 2022: i buyer li stanno già visionando in modo che i potenziali clienti, come le insegne della Gdo, i negozi specializzati, il mondo dell’horeca e le erboristerie, possano vederli e partecipare a Sana 2022 per gustarli di persona con tutti i loro sensi. Nel 2019, ultimo anno della mostra in presenza, erano oltre 950 le referenze candidate ai “Sana Novità Awards”, che saranno attribuiti, uno per macrocategoria merceologica, sulla base delle preferenze espresse dai visitatori. A partire dal Sana 2022 è previsto un ulteriore riconoscimento affidato in base alla valutazione dei buyer internazionali.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli