02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO & FINANZA

“Pegno rotativo” sul vino, accordo tra Nobile di Montepulciano e Banca Mps

In attesa del decreto attuativo il Consorzio gioca d’anticipo. Credito pari all’80% delle mercuriali e solo per vino prodotto da uve di proprietà
BANCA, ECONOMIA, FINANZA, MPS, NOBILE DI MONTEPULCIANO, vino, Italia
Il sostegno di MPS al Nobile di Montepulciano

In attesa del decreto attuativo del Ministero delle Politiche Agricole, che darà il via libera al “pegno rotativo” su prodotti agricoli e alimentari Doc e Igp come specificato dal Decreto Cura Italia, il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano gioca d’anticipo firmando una convenzione con il Monte dei Paschi di Siena che permetterà alle aziende del territorio di ottenere un finanziamento dando come garanzia il vino stesso d’annata. Un prestito garantito dal vino prodotto esclusivamente da uve di proprietà, per un importo pari all’80% del prezzo medio delle mercuriali pubblicate dalle Camere di Commercio al momento della domanda di finanziamento. Un “pegno rotativo” dove la proprietà del bene non viene ceduta, ma rimane in capo al viticoltore.
“Da sempre Banca Mps è vicina alla nostra realtà e da anni ormai ci ritroviamo per rinnovare gli accordi per agevolare le nostre aziende al credito - spiega il presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, Andrea Rossi - quest’anno ci siamo trovati a ridefinire le condizioni e in una zona in cui il valore più grande è dato proprio dal prodotto, il vino, non è stato difficile trovare una formula di maggiore collaborazione”.
In attesa del provvedimento che lo renda operativo, Banca Mps e Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano hanno nel frattempo stipulato un accordo che prevede una formula di credito agrario a 12 mesi e un finanziamento, denominato “Agri Mini”, con ammortamento graduale del capitale, entrambi a tassi riservati esclusivamente alle aziende socie del Consorzio.
Quella del “pegno rotativo” è un’operazione già presa in considerazione da altre denominazioni italiane, come il Barolo e il Chianti Classico e da Castiglion del Bosco, griffe di Brunello di proprietà di Massimo Ferragamo.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli