Slow Wine 2024
Allegrini 2024
INDAGINI

Pizza, birra, musica e amici: i giovani svelano le condizioni che stimolano la loro autenticità

Con Astraricerche, Birra Moretti si interroga su Millennials e Gen Z: poca genuinità sui social e in comitive estese
ASTRARICERCHE, BIRRA MORETTI, GIOVANI, Non Solo Vino
“Così come siamo”, la web serie di Birra Moretti

Quando i giovani si sentono davvero se stessi? Per quasi 5 ragazzi italiani su 10 non ci sono dubbi: in compagnia dei veri amici (47,3%, cifra che sale al 57% tra 18 e 23 anni), soprattutto se ci si ritrova per vivere momenti autentici accompagnati da un’accoppiata semplice, ma da sempre vincente, una birra e una pizza. Anche la musica gioca un ruolo fondamentale, che permette ai giovani di esprimere a pieno le loro personalità (46,5%, di cui il 50% sono donne, e si sale al 53% tra 18 e 23 anni). Emerge dall’indagine inedita, condotta da AstraRicerche per Birra Moretti, su un campione di oltre 1.000 giovani italiani, tra Millennials e Gen Z (18-35 anni), per scoprire in quali situazioni e contesti i giovani si sentano davvero se stessi, liberandosi di maschere e filtri sociali per fare spazio alla sincerità.
E se il binomio intramontabile “pizza & birra” in buona compagnia è per il 53,2% del campione la situazione preferita in cui sentirsi davvero se stessi, è proprio la birra la bevanda protagonista in assoluto della convivialità, tanto da essere indicata dal 20,5% degli intervistati come prima scelta, seguita dal caffè (14,7%) e dall’acqua (14,2%), che supera la leggerezza della tisana (8,5%) o del soft drink (11,2%), ma soprattutto i vari alcolici (cocktail 14%, vino 12%, bollicine 5%).
Per i giovani italiani, al secondo posto, nel ranking dei promotori di momenti sinceri, autentici e spontanei, troviamo il proprio piatto preferito cucinato a casa (donne 55%, uomini 45%), seguito in terza posizione, quasi a pari merito, da un food delivery portato in casa e condiviso con gli amici davanti alla tv (nettamente preferito dalle donne, 44%, rispetto agli uomini, 35%), mentre si torna fuori casa per il quarto posto in ordine di preferenza, occupato da uno street food, rigorosamente accompagnato da una buona birra (38,8%).
Ma i giovani italiani non si sentono pienamente se stessi se i gruppi si “allargano”, questa è la vera sorpresa: 4 su 10 dichiarano, infatti, di non sentirsi a proprio agio nelle giornate di festa quando ci sono tanti parenti, fatta eccezione per il 47% dei Millennials, per i quali la famiglia diventa un luogo di comfort, dove rifugiarsi senza maschere e pregiudizi. Questa affermazione resta valida anche per le serate in cui escono in comitiva, con gruppi di amici più estesi, ma anche al lavoro o all’università.
Per i social media, non si riscontra una visione unica: quasi 3 su 5 (59,4%) dichiarano di riuscire a sentirsi sé stessi nel mondo dei social, ma solo il 16,9% dichiara di riuscirci perché può effettivamente esprimersi in modo sincero per quello che è, mentre ben il 42,6% dichiara di riuscirci perché li utilizza col giusto distacco.
Sentirsi liberi di mostrarci come siamo e vivere con spontaneità sono quindi gli ingredienti fondamentali per godersi a pieno la vita. Un concetto che, appunto, riguarda, in primo luogo, la buona compagnia. 
Ed è proprio in nome della buona compagnia e del celebrare l’essere se stessi che Birra Moretti ha deciso di produrre “Così come siamo”, una web serie che racconta le vite di cinque protagonisti: Nicolò De Devitiis, conduttore tv, tra gli altri, del programma “Le Iene”, chef Ruben, ragazzo romano che ha conquistato i social con i suoi contenuti di cucina, Tananai, famosissimo cantautore, Veronica Ruggeri, inviata de “Le Iene”  e Melissa Satta, showgirl, modella e conduttrice televisiva. La web serie, che si snoda attraverso cinque episodi disponibili sul canale Youtube del brand, nasce con lo scopo di promuovere i valori di Birra Moretti e parlare ai giovani attraverso storie di ispirazione, mettendo al centro i racconti di un vero gruppo di amici che incoraggiano lo stare insieme in modo autentico.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli