02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
RISORSE PER IL PRIMARIO

Politiche Agricole, sbloccati 350 milioni di euro per contratti di filiera e distretti

Si tratta di fondi previsti dal Pnrr. L’Abbate (Commissione Agricoltura): “nel 2022 un nuovo bando da 1,2 miliardi”
AGRICOLTURA, PNNR, SOSTEGNI, Non Solo Vino
Politiche Agricole, sbloccati 350 milioni di euro per contratti di filiera e distretti

Un decreto direttoriale del Ministero delle Politiche Agricole ha sbloccato 350 milioni di euro previsti dal Fondo complementare del Pnrr, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per finanziare tutti i progetti relativi ai contratti di filiera e distrettuali candidati nell’ambito dell’ultimo bando ministeriale, che si è chiuso lo scorso 30 settembre. “I programmi di investimento sono ritenuti già in linea con le indicazioni comunitarie dal punto di vista della sostenibilità ambientale - dichiara Giuseppe L’Abbate, deputato dei 5 Stelle e membro della commissione Agricoltura. “Le somme saranno destinate a coloro che hanno ottenuto un contributo inferiore al limite massimo dell’agevolazione e contribuiranno allo scorrimento dell’attuale graduatoria. Nel 2022, poi, sarà emanato un nuovo bando in base ai criteri del Pnrr che nel fondo complementare vede stanziare 1,2 miliardi di euro per i settori agroalimentare, della pesca e dell’acquacoltura, della silvicoltura, della floricoltura e del vivaismo”.
L’obiettivo è promuovere, oltre alla sostenibilità ambientale, il potenziamento delle relazioni intersettoriali lungo le catene di produzione, trasformazione e commercializzazione, attraverso l’aggregazione dei produttori e la creazione di responsabilità solidale delle imprese della filiera migliorando la posizione degli agricoltori nella catena del valore e la partecipazione degli operatori, anche dislocati in aree rurali o marginali, ai processi di aggregazione, contribuendo a contrastare lo spopolamento delle aree rurali. “Quello dei contratti di filiera e di distretto - aggiunge L’Abbate - è uno strumento efficace e necessario per il futuro dell’agroalimentare italiano che permette di creare valore aggiunto e aumentare la redditività”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli