02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

PONTE DELL’IMMACOLATA: PRENOTAZIONI A RILENTO PER GLI AGRITURISMI. IL MALTEMPO E LA CRISI FRENANO I VIAGGIATORI. MA IL “LAST MINUTE” PUO’ RISERVARE DELLE SORPRESE. LO SOTTOLINEA LA CIA

Il prossimo lungo ponte dell’Immacolata (da sabato 4 dicembre fino a mercoledì 8 dicembre) non sarà certo un exploit per gli agriturismi italiani, ma neanche un crollo. Le prenotazioni vanno a rilento, complici il maltempo che imperversa su tutta Italia e la crisi economica che fa stringere la cinghia ai nostri connazionali. Tuttavia, l’ottimismo degli operatori prevale sul pessimismo. Sicuramente la vacanza non sarà di cinque giorni, però ci si affida molto al “last minute” per una breve permanenza (due-tre giorni) che sembra ormai divenuto, in questi ultimi anni, il “leit motiv” per l’agriturismo italiano. Lo sottolinea Turismo Verde, l’associazione agrituristica della Cia-Confederazione Italiana Agricoltori, che mette in evidenza come questo particolare comparto, che negli ultimi anni ha messo a segno un vero boom, cominci a segnare il passo, anche se rispetto all’intera agricoltura mantiene le posizioni.

Il 2010 sembra, quindi, destinato a chiudersi senza tanti entusiasmi, pur se non manca la speranza di una netta ripresa per le feste di fine anno. Comunque, Turismo Verde-Cia potrà, nel prossimo ponte dell’Immacolata, verificare se si può tirare un piccolo sospiro di sollievo e dedurne che, effettivamente, l’agriturismo tiene.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli