02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

POVERE CLEMENTINE ITALIANE! LA CIA MOLTO PREOCCUPATA PER LA SITUAZIONE CHE STANNO VIVENDO I PRODUTTORI DELLA CALABRIA, DELLA BASILICATA E DELLA PUGLIA. SERVONO SUBITO INTERVENTI

Povere clementine italiane: uno dei frutti-simbolo dell’inverno, di cui sono ghiotti grandi e bambini, sono a rischio-crack. I prezzi pagati ai produttori del Belpaese, soprattutto in Calabria, Basilicata e Puglia, per la Cia - Confederazione Italiana Agricoltori, sono in caduta verticale, e addirittura si produce sottocosto, anche a causa dell’“invasione” di prodotto dalla Spagna a prezzi stracciati. Una situazione difficile, aggiunge l’organizzazione agricola, anche perché il dolce frutto è sempre meno consumato sulle tavole italiane.

Non solo. Quest’anno si registra - sottolinea la Cia - un particolare ingolfamento del mercato dovuto all’import massiccio di clementine spagnole, a differenza dello scorso anno, quando la Spagna ebbe un forte calo produttivo per ragioni climatiche. E, davanti a questi pressanti problemi, la Cia ritiene “siano indispensabili misure di sostegno legate a crisi di mercato gravi come questa delle clementine. La Commissione Europea - evidenzia la Cia - Confederazione Italiana Agricoltori - dovrà quanto prima rendere operativi alcuni orientamenti, legati al “secondo pilastro”, appena abbozzati nel suo ultimo documento sulla Pac post 2013, dato che le regole attuali sui ritiri di mercato sono, come è noto, assolutamente inutilizzabili”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli