02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Prezzi all'origine - Quotazioni al ribasso per i grandi rossi da invecchiamento: Barolo sotto la soglia dei 600 euro ad ettolitro. L'unica eccezione è il Brunello di Montalcino
di Leonardo Roselli

Il vino continua a volare basso e la crisi incide, salvo poche eccezioni, anche sui grandi vini rossi a denominazione e (soprattutto quelli da invecchiamento) che registrano un deciso arretramento dei prezzi all'origine rispetto allo scorso anno. Un esempio fra tutti è rappresentato dal Barolo che, per la prima volta dal lontano 1998, è sceso sotto la soglia dei 600 euro l'ettolitro (la fonte è l'Ismea). Certo meglio non è andata al Chianti Classico che a luglio spuntava un prezzo di 185 euro (contro i 235 del luglio 2003), al Nobile di Montepulciano quotato a 390 euro (475 a luglio 2003) o al Barbaresco venduto a 300 euro a ettolitro contro i 375 del 2003. Unica eccezione è rappresentata dal Brunello: secondo le rilevazioni del giugno 2004, il Montalcino è quotato all'origine 1.150 euro, ben 125 euro in più sul 2003. Davvero non male, ma il Brunello è forse un caso quasi isolato ed il comparto dei grandi rossi negli ultimi 12 mesi ha complessivamente perso per strada il 16% del proprio valore. La limatura di quotazioni, prezzi e listini non sembra, comunque, destinata a fermarsi, soprattutto ora che la nuova vendemmia si avvicina e i produttori sono ancora alle prese con le vecchie giacenze in cantina.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli