02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

QUANDO LA CUCINA INCONTRA LA MODA, IN UN CONNUBIO DI IDEE ED ISPIRAZIONI RECIPROCHE: LE POSATE DELLO CHEF DAVIDE OLDANI “APPARECCHIANO” LE CALZE DI GALLO, E AL “D’O” SPUNTANO DUE NUOVI PIATTI ISPIRATI PROPRIO AL MOTIVO AL RIGHE DI GALLO

Se per decenni il mondo della cucina è stato capace di attingere da tanti altri settori, oggi, specie grazie agli chef star, sono i fornelli la fonte di ispirazione per gli altri, dall’arte alla moda, come racconta il connubio tra lo stellato Davide Oldani e Gallo, leader delle calze che, in uno scambio continuo di idee fra moda e cucina, fra ricerca e passione, ha “apparecchiato”, con il cucchiaio/forchetta “Passepartout” e il cucchiaino “Espoon”, le due posate ideate dallo chef milanese del ristorante D’O, le calze della Gallo Collection, con colori accesi, dal blu elettrico all’arancione, dal turchese all’azzurro cielo, promuovendo il desiderio dello chef di regalare fantasia a chiunque ami una tavola mai scontata.

Ma la creatività chiama sempre altra creatività, e così il multicolor irrompe in cucina, con due nuove ricette del D’O ispirate proprio al motivo a righe di Gallo, la “Sfoglia di grano arso con salse millerighe” e la “Salsa che diventa sorbetto e sorbetto che diventa salsa”. “Ho costruito questi piatti su colori e consistenze perché li ho pensati per il brand italiano Gallo - spiega lo chef Davide Oldani -. A questo marchio mi accomuna il desiderio di unire classico a moderno e di interpretare la tradizione ad alti livelli di qualità. Ecco perché propongo un gioco che permette alle salse - pilastri della grande cucina italiana - di diventare sorbetto e al sorbetto di diventare salsa. I colori sono la creatività per eccellenza, e la loro combinazione è un piacere per gli occhi: nel caso di Gallo, poi, sono anche un forte elemento di riconoscibilità. Fattore che, unito all’ottima vestibilità, ne fa un prodotto da “indossare” con gli occhi. Così vorrei che fosse anche per il palato”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli