02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ATTUALITÀ

Quando la qualità enogastronomica fa rima con vacanza: il viaggio in Italia segue le vie del gusto

Oggi si celebra la Giornata Mondiale del Turismo, Coldiretti sottolinea l’importanza dei produttori. Il ministro Garavaglia: “operatori eroici”
CIBO, Coldiretti, ENOTURISMO, GARAVAGLIA, GIORNATA DEL TURISMO, vino, Non Solo Vino
Il viaggio in Italia segue le vie del gusto (ph: foto di Adrienn via Pexels)

Quale è il “leitmotiv” degli italiani in vacanza nel Belpaese? I prodotti enogastronomici. Al mare, in montagna o alla scoperta del verde, il risultato non cambia perché quasi sei italiani su dieci (58%) scelgono di visitare frantoi, malghe, cantine, aziende, agriturismi o mercati degli agricoltori per acquistare prodotti locali a chilometro zero direttamente dai produttori, ottimizzare il rapporto qualità/prezzo e portarsi a casa un pezzo di storia della tradizione italiana a tavola. Una “fotografia” scattata da Coldiretti/Ixè - diffusa per la Giornata Mondiale del Turismo, istituita dall’Organizzazione Mondiale del Turismo (Unwto), che ricorre il 27 settembre - dove si evidenzia che il cibo rappresenta addirittura per il 17% degli italiani la principale motivazione di scelta del luogo di villeggiatura, mentre per un altro 56% costituisce uno dei criteri su cui basare la propria preferenza. Solo un 4% dichiara di non prenderlo in esame. Non a caso il cibo è la voce principale del budget delle famiglie in vacanza in Italia con circa un terzo della spesa di italiani e stranieri destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o specialità enogastronomiche.
Un patrimonio reso grande da un comparto che ha ricevuto in occasione della Giornata Mondiale del Turismo i complimenti dal Ministro Massimo Garavaglia. “Se quest’anno abbiamo motivo di festeggiare lo dobbiamo, prima di tutto, alla volontà ed al coraggio degli operatori. Hanno lottato prima contro la pandemia ed oggi contro l’aumento dei costi. Sono stati e sono eroici. Con loro - sottolinea il Ministro del Turismo - stiamo costruendo un nuovo modello di sviluppo turistico: sostenibile, accessibile, in linea con la domanda mondiale. Che troverà un momento di sintesi con gli Stati generali del Turismo previsti a fine ottobre a Chianciano Terme. Ma soprattutto se abbiamo motivi di onorare questa Giornata mondiale è grazie ai turisti che sono tornati a riempire i nostri luoghi di vacanza tradizionali ed anche quelli meno conosciuti. L’Italia è bella tutta”.
L’alimentazione è il vero valore aggiunto della vacanza in Italia, leader mondiale del turismo enogastronomico e con l’agricoltura più green d’Europa grazie a 5.450 specialità ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni censite dalle Regioni, 316 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, la leadership nel biologico con circa 86.000 aziende agricole, la scelta di non coltivare organismi geneticamente modificati (ogm). Ed ancora, 25.000 agriturismi che conservano da generazioni i segreti della cucina contadina, 10.000 agricoltori in vendita diretta con “Campagna Amica” e le numerose iniziative di valorizzazione, dalle sagre alle strade del vino. Come ha sottolineato la Coldiretti, l’acquisto di un alimento direttamente dal produttore è una occasione per conoscere anche la storia, la cultura e le tradizione.
L’Italia ha conquistato in pochi anni la leadership mondiale nei mercati contadini davanti agli Usa e alla Francia: si tratta anche di una azione di recupero importante della biodiversità con allevatori e coltivatori impegnati a salvare varietà e razze a rischio di estinzione che altrimenti non sarebbero mai sopravvissute alle regole delle moderne forme di distribuzione. Un’azione formalizzata con i prodotti presenti nell’elenco dei “Sigilli” di “Campagna Amica” che, sottolinea la Coldiretti, “sono la più grande opera di valorizzazione della biodiversità contadina mai realizzata in Italia che può essere sostenuta direttamente dai cittadini nei mercati a chilometri zero degli agricoltori e nelle fattorie lungo tutta la Penisola”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli