02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Quotidiano Nazionale / La Nazione

Il piatto forte di Bastianich ora è il teatro: “Canto il vino e la vita” … Colpo di scena: Joe Bastianich sale sul palco del teatro. Il celebrato giudice di “Masterchef” il 22 maggio debutta al Parenti di Milano con “Vino veritas” per 10 serate.

Cosa dobbiamo aspettarci?

“Sul palco cercherò di abbinare le mie passioni: la musica, il vino, il racconto. Dopo tanta tv ho voluto provare il teatro. Si tratta di un racconto molto personale, accompagnato dalle mie canzoni”.

Ci può anticipare uno degli episodi che narrerà nel suo spettacolo?

“Ho il tenore di star diventando come mio papà, un uomo con tantissimi difetti che suonava la fisarmonica e beveva troppo. Però allo stesso tempo era anche molto semplice e umile. Ecco, racconterò al pubblico come vedo il confronto tra me e mio padre, che non c’è più”.

Ci sarà anche una forte interazione grazie ai social, vero?

“Il pubblico in sala potrà mandarmi messaggi anche anonimi su Instagram, per raccontare le proprie esperienze e confrontarle con le mie. Racconterò le mie verità, e la gente in sala le proprie”.

Il repertorio musicale è composto solo dalle sue canzoni?

“Sono tutte mie, in più parlerò anche delle ultime notizie arrivate dall’America”.

Qual è la sua canzone preferita?

“’What is a man’, si interroga sul tema di cosa significa essere un uomo. Come ci giudichiamo come uomini, padri, mariti”.

Il vino che ruolo avrà?

“La gente seduta in sala potrà assaggiare cinque dei miei vini, serviti dai sommelier. Ma non si tratta di una degustazione, farà parte dell’ambiente, il vino accompagnerà i miei racconti”.

Perché dopo tanta televisione ha scelto il teatro?

“Perché il teatro ti spoglia, di rende nudo e ti fa raccontare davvero chi sei”.

Quali sono i suoi spettacoli preferiti a teatro?

“Da buon newyorkese li vedo tutti. Ma se devo citare un titolo, allora è il musical “Hamilton” che mi ha folgorato due anni fa e che, mi ha dato il primo impulso a pensare al teatro. E uno show che mi è esploso nella mente, uno spettacolo che cambierà per sempre il mondo del musical. Mi chiedo come un uomo possa avere tutte quelle idee in testa. Ma posso citare anche “American Buffalo” con Al Pacino, o Bette Midler che a 70 anni è ancora straordinaria in “Hello Dolly””.

Se fosse costretto a scegliere, preferirebbe il mestiere di entertainer o quello di manager della ristorazione?

“Il mio mestiere mi mantiene, la mia passione mi sostiene. Ho la fortuna di poter fare entrambi, perché scegliere?”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli