02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Quotidiano Nazionale

Nettare in anfora … Poche cose come il vino insegnano ad aspettare, a seguire i tempi della natura. A rispettarla. Almeno se ci si trova nell’azienda Gravner, sulle colline goriziane, dove l’Italia finisce e la Ribolla è di casa. Qui Francesco - Jogko - Gravner, titolare dell’omonima azienda, nel 1996 ha avviato una rivoluzione sperimentando le prime macerazioni e, dal 2001, la vinificazione in anfore del Caucaso. È la figlia Mateja, a ripercorre le tappe della cantina di Oslavia.
Voi siete stati pionieri in Italia della vinificazione in anfora.

“Nonostante piacessero moltissimo ai consumatori, a un ceno punto secondo mio padre i vini non rispecchiavano abbastanza le uve, soprattutto la Ribolla. Poi, nel 1996, abbiamo avuto una terribile grandinata e non siamo usciti sul mercato. Con quel poco che siamo riusciti a raccogliere, papà ha fatto le prove di vinificazione sulle bucce: quando ha sentito il risultato della fermentazione senza lieviti aggiunti e senza controllo della temperatura ha ritrovato il sapore dell’uva Ribolla. Ha venduto le vasche in acciaio e nel 1997 ha ricevuto la prima anfora di terracotta: il risultato era commovente. Così nel 2000 è andato in Georgia per vedere se c’era ancora qualcuno che le producesse: ora ne abbiamo 46. Sono fatte a mano, senza stampo, e cosparse all’interno di cera d’api”.

Quali sono le particolarità dell’anfora?

“Usiamo solo anfore georgiane, che vengono interrate, con uno spessore dell’argilla dai 2 ai 3 centimetri: non c’è bisogno di controllare la temperatura perché la terra mitiga la fermentazione. Poniamo in cantina solo uve perfette, dopo una selezione pesantissima”.

Usate le anfore per tutti i vini?

“Abbiamo dato la precedenza ai bianchi, così i rossi sono vinificati in anfora solo dal 2006 e subiscono una lavorazione diversa con periodi in legno variabili. Le uve bianche rimangono sulle bucce fra i 5 e i 6 mesi nell’anfora, a fine febbraio, dopo la svinatura, vi ritornano: fanno 10/12 mesi totali, poi altri sei anni in botti grandi di legno. I rossi, invece, stanno sulle bucce dalle 8 alle 12 settimane. I bianchi escono dopo 7 anni e mezzo, il Rosso Gravner, ad esempio, dopo 8 anni”.

Una lunga attesa.

“Non ha senso mettere fretta alla natura. Una cosa che abbiamo imparato negli ultimi 30 anni, è che non esistono annate buone o cattive: non sono state fatte per noi, siamo noi che dobbiamo conviverci. Ognuna ha in sé una pane buona e una difficile: cerchiamo di far esprimere la parte migliore”.

Quest’anno è un discorso con un significato particolare...

“Vendemmieremo come sempre a ottobre, perché abbiamo bisogno di uve perfettamente mature. È stata un’annata faticosa, ma siamo stati fortunati: abbiamo avuto solo qualche piccolo danno da gelata e la siccità non l’abbiamo patita. E quando le viti fanno fatica riduciamo le quantità: viti in equilibrio portano vini in equilibrio. Su 15 ettari produciamo dalle 25 alle 34mila bottiglie, seguendo i disciplinari Doc potremmo arrivare a 3/4 volte di più. Non vogliamo ragionare in bottiglie, ma pensando che produciamo 350mila bicchieri per altrettante persone: è un gran bel risultato. Bisogna smettere di parlare solo di quantità”.

Le prossime scelte?

“In futuro avremo solo uve autoctone. Fra i rossi, il Pignolo: è un’uva che è stata abbastanza dimenticata anche in Friuli e molto esigente. Lavoriamo in modo biologico e biodinamico, ma non vogliamo certificazioni. Se noi contadini per primi non torniamo a curare la terra, non possiamo chiedere ad altri di farlo. Abbiamo altri alberi e stagni nei vigneti: sono cose che non si possono certificare. Vogliamo rispettare il territorio con uve che si sono adattate a quel territorio”.

Altri produttori si stanno avvicinando al mondo dell’anfora.

“Se non è un uso furbo, è una cosa positiva: chi è davvero convinto trova il modo di lavorare bene. Ma la condizione di base non è quale contenitore usare per la fermentazione, ma cosa si vuole trasmettere. Che idea c’è, dietro, di vino? Cosa vuoi raccontare di te e del tuo territorio?”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli