02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Quotidiano Nazionale

Maietta (Ais) “Sono vini originali” … Fra i vini di Gravner, un’etichetta simbolo è la Ribolla: dal 2001 le uve fermentano con lunga macerazione in anfore georgiane interrate. Il Rosso Gravner, invece, è un vino da Merlot e Cabernet Sauvignon, mentre il Rosso Breg nasce da uve Pignolo. Dopo l’esperienza di Gravner, ora in tutta Italia non si contano più solo sulle dita di una mano i produttori che scelgono di vinificare in anfora. Un’altra capofila, partendo dal Nord, è stata Elisabetta Foradori, dell’omonima azienda che ha rilanciato il Teroldego Rotaliano a Mezzolombardo (Trento). Oppure, nella provincia di Teramo, anche Francesco Acirelli vinifica Montepulciano, Trebbiano e Cerasuolo d’Abruzzo. A offrire una panoramica sui vini in anfora è Antonello Maietta, presidente nazionale dell’Ais. “L’anfora è un contenitore ancestrale, naturale e neutro, dove gli interventi tecnici sono più difficili. In una vasca d’acciaio, ad esempio, posso abbassare la temperatura”. Una delle caratteristiche ricorrenti è che “le uve vengono messe intere per macerazioni prolungate - continua Maietta - per cui la materia prima deve essere sanissima. A monte, spesso, c’è tutto un percorso, una filosofia che pane dalla vigna e dai cicli biologici della vite”. “Dal punto di vista organolettico - continua il presidente Ais - si fanno vini piacevoli ed eleganti, ma i produttori stanno ancora sperimentando: nei diversi tipi di anfora, ad esempio, cambia la porosità. Sono vini di grande originalità, dobbiamo aspettarci colori più intensi e una maggiore struttura, che si adatta a moltissimi piatti. E ora è nato anche il made in Italy: in Toscana, a Impruneta, in un’area dove si sono sempre fatte le giare di terracotta”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli