02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Tecnologia, big data e gusto si uniscono: annunciata all’Ifa di Berlino, la più importante fiera dell’elettronica di consumo europea, una partnership tra TomTom e TripAdvisor per creare itinerari turistici integrati all’insegna del gusto

A vedere quanto è cambiato il rapporto della società non solo con le automobili, ma anche col cibo e la ristorazione, sembrano passati ben più di 117 anni da quando il produttore di penumatici Michelin, allo scopo di incentivare l’uso delle automobili in Francia, decise di pubblicare la prima edizione (gratuita) della sua guida, con tutto quello che ne è seguito. Per certi versi la storia si sta ripetendo anche oggi, complice un grado di integrazione quasi totale con la tecnologia digitale: dopo aver rivoluzionato le comunicazioni, il digitale sta infatti applicando la sua “distruption” anche al vetusto motore a scoppio e all’enogastronomia, dando la possibilità a soggetti come il produttore di navigatori satellitari TomTom e TripAdvisor di unire le forze per proporre al pubblico la creazione di itinerari enogastronomici su misura e che includano l’universo di alberghi e ristoranti presente nel database dell’azienda di recensioni generate dagli utenti.
La partnership tra le due aziende è stata annunciata ufficialmente durante l’edizione 2017 della Ifa di Berlino, la fiera dell’elettronica di consumo più importante a livello europeo: nello specifico, la partnership si è concretizzata con una webapp denominata “TomTom Road Trips”, che permette non solo di accedere a un database di itinerari turistici che al momento esclude la sola Asia, ma anche di modificarli a piacimento aggiungendo mete o soste non previste. E, inoltre, di prenotare ogni singola tappa prima di avviarsi, in modo da costruirsi senza sforzo l’itinerario più gradito. Se poi lungo il cammino si notasse sul navigatore la presenza di una sosta potenzialmente notevole, la webapp permette anche di consultarne la scheda, ed eventualmente prenotare, dal medesimo strumento, che non necessariamente dev’essere un navigatore prodotto da TomTom.
Tramite un account “MyDrive” gratuito, infatti, l’itinerario può essere consultato e modificato a piacimento dal proprio smartphone Android o iOS. Un plus competitivo non da poco nei confronti delle molte altre soluzioni utilizzate oggigiorno per la navigazione in ambito automotive, come Google Maps o Apple Maps, specialmente se si considera quanto il popolo degli appassionati di enoturismo, cibo e vino sia aumentato nel corso degli ultimi anni: la webapp, secondo quanto annunciato dalle due società, sarà attiva già dal prossimo mese.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli