02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
SCIENZA

Tra ricerca e alimentazione, l’extravergine d’oliva italiano nella Stazione Spaziale Internazionale

Sulla navetta Dragon Freedom di SpaceX, insieme a Samantha Cristoforetti, l’Agenzia Spaziale Italiana e Crea “imbarcano” anche l’olio

Una selezione di oli extravergini di oliva italiani ha lasciato la Terra per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale, grazie all’Agenzia Spaziale Italiana, che ha “imbarcato” gli oli sulla navetta Dragon Freedom di SpaceX - con a bordo l’equipaggio “Crew 4”, di cui fa parte anche l’astronauta italiana Samantha Cristoforetti - partito dal Kennedy Space Center, in Florida. Il progetto, come ricorda la Coldiretti, è realizzato nel quadro di un accordo tra l’Agenzia Spaziale Italiana ed il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea), con la collaborazione di Coldiretti e Unaprol (Consorzio Olivicolo Italiano). I quattro oli extravergini spaziali selezionati sono prodotti italiani di altissima qualità, provenienti da diverse Regioni e ottenuti ciascuno da una singola tipologia di olive.

Parte degli oli è destinata alla preparazione del cosiddetto “bonus food” dell’equipaggio dell’Esa, ossia le specialità che ciascun astronauta può scegliere di portare con sé a integrazione della dieta standard prevista, specialità che vengono preparate e confezionate a terra. Gli oli, distinti ed etichettati in base a intensità e profilo sensoriale, sono a disposizione dell’equipaggio per accompagnare una specifica tipologia di cibo: carne, pesce, verdure e uno per esaltare i sapori più intensi. Alcuni campioni di olio sono invece protagonisti di un esperimento sugli effetti della permanenza nello spazio su questo alimento simbolo della Dieta Mediterranea.

L’accordo ha, inoltre, lo scopo di sottolineare l’importanza del patrimonio agroalimentare italiano, valorizzare e sensibilizzare un asset nazionale strategico per l’export del Paese, oltre che promuovere i principi di una corretta alimentazione, un tema importantissimo per la salute a bordo della Iss, per questo gli extravergini, selezionati dalla Coldiretti e dall’Unaprol, sono accomunati da un alto contenuto in antiossidanti naturali, che sono essenziali per chi, come gli astronauti, è sottoposto a condizioni di intenso stress psico-fisico.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli