02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Tra ristoranti, bar e pizzerie del Belpaese e social network non è ancora scoppiato l’amore. La soluzione? Nei giovani, coinvolti in “Ristorazione 4.0 - La buona scuola è servita” il progetto di alternanza scuola/lavoro di Fipe, TripAdvisor e TheFork

Non Solo Vino
Il sindaco di New York, Bill de Blasio, con il pizzaiolo napoletano Gino Sorbillo

Un nuovo concept di alternanza scuola/lavoro, in cui gli studenti potranno mettere al servizio delle imprese di pubblico esercizio le loro attitudini digital, aiutandole nei processi di innovazione e, parallelamente, approfondire la conoscenza di un settore in cui le prospettive di occupazione certo non mancano: ecco “Ristorazione 4.0 - la buona scuola è servita”, la “ricetta” proposta da Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi. Una maniera diversa di “accompagnare” le giovani generazioni nel mondo del lavoro, rendendole protagoniste e “motori” del cambiamento, tecnologico e culturale, che passa per la collaborazione con alcuni protagonisti del web, in primis TripAdvisor e TheFork. Del resto, i numeri parlano chiaro: solo il 59% dei bar, ristoranti e pizzerie del Belpaese hanno un account social attivo, il 99% è presente su Facebook, il 53% su Instagram, il 43% su Google+, il 33% su Twitter, il 12% su Linkedine e l’11% su Pinterest. L’apporto dei più giovani, allora, potrebbe rivelarsi decisivo, specie perché tutto ciò che ruota intorno al cibo, ormai, vive quasi più online che offline: qualsiasi aspetto, dalle ricette alle guide, dalle recensioni alle prenotazioni, fino agli acquisti, passa per il web, con il numero di italiani che cercano informazioni sugli alimenti su internet in crescita del 78%, così come è in aumento il numero di chi condivide opinioni sui prodotti alimentari (+36%).

Apripista saranno gli studenti di una scuola di informatica, l’IIS “Galilei” di Firenze, che, dopo aver frequentato i corsi sulla gestione delle recensioni e delle prenotazioni on line a cura di TripAdvisor e TheFork e sulla digital presence delle imprese della ristorazione, avranno la possibilità di mettere concretamente a frutto le loro attitudini digitali nel percorso di alternanza scuola/lavoro. Un impegno che si tradurrà, ad esempio, nell’affiancare i gestori e operatori di un ristorante per rendere più “appealing” le loro pagine social, monitorare le recensioni on line e approntare feedback adeguati, o supportare la gestione delle prenotazioni on line.

“Questa importante iniziativa, oltre a confermare il valore della nostra partnership con Fipe, dimostra la forte attenzione dell’associazione per gli imprenditori, i giovani e il tema della digitalizzazione. Siamo davvero felici di dare il nostro contributo alla formazione di nuove figure professionali che possano supportare i ristoratori nella gestione di TripAdvisor”, ha dichiarato Valentina Quattro, portavoce di TripAdvisor in Italia. “Secondo il nostro recente Studio sul Marketing dei Ristoranti, infatti, il primo canale in cui i ristoratori italiani investono il budget destinato al marketing sono i social network (77%) ma circa la metà dedica meno del 10% del proprio tempo alle attività di marketing e la maggioranza (78%) ritiene di dover fare di più per promuovere la propria struttura. Ecco dunque come i contributi di TripAdvisor e TheFork si integrano alla perfezione in questo progetto, supportando da un lato le imprese della ristorazione e dall’altro i giovani professionisti di domani”.
“Siamo felici di proseguire il percorso di accompagnamento all’innovazione nei confronti della nostra categoria”, commenta Aldo Mario Cursano, vice presidente Fipe. “Questa volta lo facciamo partendo dai giovani, gli imprenditori e operatori del futuro che ora daranno un contributo prezioso agli imprenditori e operatori del presente. Questo progetto è per noi di grande importanza proprio perché tocca diversi aspetti che stanno a cuore della Federazione, come la digitalizzazione dei pubblici esercizi: l’acquisizione di un’autentica cultura digitale per servizi e processi sempre più efficienti è ormai una sfida imposta dal mercato e non più procrastinabile, e la collaborazione con la generazione dei Millennials sarà molto utile per mettere nell’agenda di ogni ristoratore i temi del cambiamento e dell’innovazione. A fianco di questo percorso è poi fondamentale dare ai nostri giovani l’opportunità di svolgere una buona e proficua alternanza scuola lavoro: questa iniziativa - conclude Cursano - dà un supporto concreto proprio in questa direzione, trasformando di fatto l’alternanza in una complementarietà tra la scuola e le imprese, integrando e interconnettendo diverse funzioni e trasferendo in uno scambio reciproco le rispettive competenze”.

“Dopo la pubblicazione del volume “Il ristorante 2.0” e un road show durante il quale, con Fipe e TripAdvisor, abbiamo affrontato i temi della cultura digitale nelle imprese della ristorazione, siamo felici di continuare insieme questo lavoro di formazione e digitalizzazione del settore. La prenotazione online dei ristoranti è una leva di marketing strategica e uno strumento per rendere più efficiente la gestione delle prenotazioni e della sala. L’iniziativa permette di preparare anche i giovani alla gestione di un’agenda digitale delle prenotazioni, fornendo loro competenze che saranno sempre più ricercate nel mondo del lavoro”, conclude Andrea Arizzi, direttore commerciale di TheFork.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli