02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

UN BUCO DA 2 MILIARDI DI EURO PER L’ITALIA SE L’UE NON POTRA’ PAGARE I RIMBORSI ANTICIPATI DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE (PAC) A CAUSA DELLA MANCATA APPROVAZIONE DELLA “FINANZIARIA” EUROPEA PER IL 2011. LO RIFERISCONO FONTI COMUNITARIE

Per l’Italia si profila un buco di cassa da almeno 2 miliardi di euro se scatterà l’esercizio provvisorio del bilancio Ue, a causa del fallimento delle trattative per l’approvazione della “Finanziaria” europea per il 2011. La stima, prudenziale, è stata fatta da fonti comunitarie e si riferisce ai rimborsi che l’Unione Europea per molti mesi potrebbe non essere in grado di pagare all’Italia a fronte di quanto già anticipato, a partire dal 16 ottobre 2010, dalle casse dello stato agli imprenditori agricoli per la Pac europea i cui fondi per l’Italia sono di 4,227 miliardi di euro, dei quali si stima che almeno la metà sia già stata versata.

A creare il problema per il flusso dei rimborsi europei per la Politica agricola comune verso gli Stati membri è il cosiddetto “meccanismo dei dodicesimi” in base al quale funziona l’esercizio provvisorio della Ue. Questo meccanismo prevede che per ogni capitolo di spesa, di mese in mese sia a disposizione un dodicesimo della somma a disposizione nell’anno precedente.

Nel caso della Pac, i rimborsi della Ue verso gli Stati non sono però spalmati su 12 mesi, bensì concentrati (per almeno il 70-80% del totale) nei primi due mesi dell’anno. Ciò implicherebbe ritardi di molti mesi a carico delle tesorerie di tutti gli Stati membri, per cifre proporzionali ai contributi Pac di cui godono. In questo senso la più colpita sarebbe la Germania, ma anche la Gran Bretagna (che insieme a Olanda e Svezia si è fermamente opposta all’accordo con il Parlamento Europeo) ne verrebbe a soffrire.

Ecco le cifre stanziate dalla Ue per la Pac 2011 (in miliardi euro):

1) Francia, 8.420;

2) Germania, 5.771;

3) Spagna, 5.108;

4) Italia, 4.227;

5) Gran Bretagna, 3.975;

6) Polonia, 2.478;

7) Grecia, 2.214;

8) Irlanda, 1.340;

9) Ungheria, 1.074;

10) Danimarca, 1.030;

11) Olanda, 0.853;

12) Svezia, 0.763.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli