02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LAVORO TRA I FILARI

Vendemmia in vista, Confagricoltura chiede la “quarantena attiva” per la manodopera dell’Est

Giansanti: “con la quarantena obbligatoria da Romania e Bulgaria si rischia un impasse che grava ora sulle imprese vitivinicole”
Confagricoltura, MANODOPERA, QUARANTENA ATTIVA, VENDEMMIA, Italia
Vendemmia in vista, Confagricoltura chiede la “quarantena attiva” per la manodopera dell’Est

Lentamente ma inesorabilmente la vendemmia 2020 si avvicina, e quello della gestione delle scorte e di come fare spazio al vino che verrà non è l’unico problema da gestire per i produttori italiani. Perché, al di là di un mercato in lentissima ripresa ma ancora largamente deficitario con l’Horeca che marcia a scartamento ridotto e l’export frenato dalle difficoltà di mercati chiave come gli Usa, la questione della mancanza di manodopera stagionale, nonostante sanatorie e provvedimenti in materia, è ancora sul tavolo. Tanto che Confagricoltura torna a chiedere “con urgenza che il Comitato Tecnico Scientifico si esprima sul protocollo condiviso tra parti speciali e Governo il 20 maggio scorso, in particolare in relazione alla quarantena attiva”. Così il presidente Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, sottolineando l’urgenza della questione in vista delle prossime operazioni di vendemmia, anticipate in alcune Regioni e per determinati vitigni.
La cosiddetta “quarantena attiva”, ricorda l’organizzazione delle imprese agricole, è la possibilità di far svolgere agli stranieri l’attività lavorativa durante il periodo di quarantena, a condizione che siano ospitati in azienda, che lavorino separatamente dagli altri dipendenti e che non lascino l’impresa per 14 giorni.
“Con la quarantena obbligatoria per chi arriva da Romania e Bulgaria - evidenzia Giansanti - si rischia un impasse che grava ora sulle imprese vitivinicole. In altri Paesi europei, quale ad esempio la Germania, la quarantena attiva è stata applicata con soddisfazione reciproca da parte degli addetti e degli imprenditori. Per questo sollecitiamo un pronunciamento sul protocollo sottoscritto da Confagricoltura, con le altre Organizzazioni datoriali, i Sindacati dei lavoratori agricoli e alla presenza dei ministri del Lavoro e delle Politiche Sociali, Politiche Agricole e della Salute”.
Le comunicazioni di assunzione riferite agli operai addetti alla vitivinicoltura - ricorda Confagricoltura, la prima organizzazione per numero di imprese con manodopera nel settore primario - rappresentano il 20% del totale, pari a 180.000 soggetti. Gli operai agricoli provenienti dalla Romania sono il 76% degli addetti stranieri comunitari dell’Est Europa, ovvero oltre 100.000 operai, reclutati dalle aziende per le diverse operazioni in campo lungo l’anno. Gli addetti agricoli bulgari sono, invece, l’8% dei comunitari dell’Est.
“È importante - conclude il presidente di Confagricoltura - che su una materia come quella del lavoro ci siano decisioni a carattere nazionale, in modo da non creare discriminazioni tra le imprese agricole operanti nello stesso comparto”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli