02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Ventiquattro

Ascolano in rosso ... Si possono gustare olive squisite, come in nessun’altra parte del mondo, e un’architettura dolce e lineare: Ascoli Piceno sa darsi e sa farsi amare. Mancava solo il vino. Nella seconda metà degli anni Novanta, sono nate case convinte delle possibilità del territorio e del principale vitigno autoctono, il Montepulciano. Portabandiera delle nuove leve è stato Marco Casolanetti. Nell’Oasi degli Angeli, la sua azienda di Cupra Marittima, questo giovane e ambizioso vignaiolo ha creato uno dei grandi vini dell’Italia centrale, il Kurni, omaggio al Montepulciano che esprime la ricchezza di quest’uva quando è coltivata con rigore e vinificata con cura. Il produttore crede così tanto nella varietà che ha preferito rinunciare alla denominazione d’origine, che impone un 30% di Sangiovese nel taglio finale. Il Kurni, sin dalla nascita nel 1997, si è proposto come igt Marche a base di Montepulciano, nome modesto che non ne ha ostacolato il successo. Il 2004, l’annata attualmente disponibile, ha una marcia in più: l’ampiezza è arricchita da eleganza di profumo e tessitura che non possedevano le migliori bottiglie del passato.

Oasi degli Angeli
Contrada Sant’Egidio 50
Cupra marittima
tel 0735778569
email: info@kurni.it 

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli