02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
TECNOLOGIA

Verso Fieragricola Tech: le declinazioni della robotica nell’agricoltura di domani

Un webinar tra cambiamenti climatici, sicurezza, investimenti e innovazione guardando alla fiera, di scena l’1 e 2 febbraio 2023 a Verona
AGRICOLTURA, FIERAGRICOLA TECH, FUTURO, ROBOTICA, VERONAFIERE, Non Solo Vino
Fieragricola Tech

Dai droni alle macchine semoventi per il diserbo meccanico, dalla difesa al monitoraggio delle colture, ma anche per trasportare attrezzi e compiere operazioni di raccolta: sono gli ambiti operativi dei robot agricoli, al centro del webinar, organizzato da Fieragricola Tech e “L’Informatore Agrario” per la fiera dedicata all’innovazione tecnologica nel settore primario, di scena l’1 e 2 febbraio 2023, a Veronafiere.

La robotica, in particolare, “rappresenta una risposta alle esigenze di implementare la resilienza verso i cambiamenti climatici e le incertezze di cui soffre l’agricoltura; incognite che costringono gli operatori ad anticipare le operazioni in campo, ad utilizzare una quantità di input superiori rispetto alla effettiva necessità e portano al sovradimensionamento del parco macchine, con aggravio di costi”, ha raccontato il professor Francesco Marinello dell’Università di Padova. Per non dimenticare la questione sicurezza: i robot possono essere governati a distanza e lavorare su terreni impervi o con pendenze dove la presenza dell’operatore umano incontrerebbe gravi rischi.

La robotica, secondo Alessandro Malavolti, presidente FederUnacoma, la federazione dei costruttori di macchine per l’agricoltura, “avrà uno sviluppo esponenziale nei prossimi anni, molto più dell’agricoltura 4.0; il primo passo sarà lo sviluppo della sensoristica per la lettura delle malerbe finalizzata al diserbo meccanico e selettivo, con un notevole vantaggio in chiave di transizione verde”.

Il settore sta registrando una forte crescita, con un marcato interesse da parte dei grandi costruttori ad aggregare o acquisire le start-up degli Agri-robot. Quanto alla diffusione in campo, “oltre agli Stati Uniti, è la Francia, in ambito europeo, a registrare la maggiore presenza di macchine operatrici automatizzate”, ha detto Marco Sozzi dell’Università di Padova, toccando gli aspetti delle normative che regolano la robotica - dalla “Mother Regulation alla Direttiva Macchine europea fino alle proposte in fase di studio sul Cyber-resilience Act, Data Act e Intelligenza artificiale” - e presentando una classificazione delle macchine robotizzate disponibili in Italia, con particolare attenzione alla viticoltura, alla semina, al controllo delle malerbe e alla difesa fitosanitaria.

L’agricoltura del futuro passa anche dalla robotica come ausilio al percorso di transizione ecologica, come ricorda Ettore Prandini, presidente Coldiretti: “la strada è l’innovazione e gli strumenti di automatizzazione, robotica e agricoltura di precisione sono essenziali per ridurre i costi di produzione e per raccogliere quei dati, che sempre più costituiscono informazioni essenziali per valorizzare e commercializzare le nostre produzioni agricole”, ha detto Prandini. “Per questo serve una rete efficiente e in quest’ottica Coldiretti ha siglato un accordo con Ferrovie dello Stato e le Autostrade per portare la banda larga anche nelle aree interne e rurali del Paese, e sarà inoltre fondamentale la formazione, che dovrà essere continua e ben oltre il percorso scolastico”.

Disponibili ad affiancare gli agricoltori nel percorso di innovazione, le imprese agromeccaniche, che costituiscono sempre più un supporto alle realtà agricole di piccole e medie dimensioni, spesso impossibilitate a compiere investimenti troppo onerosi. “La robotica dovrà essere inserita in un percorso di filiera e la flessibilità delle imprese agromeccaniche rappresenta una soluzione strategica per la diffusione delle nuove tecnologie, essenziali anche per le difficoltà di reperire manodopera qualificata”, ha concluso Gianni Dalla Bernardina, presidente Cai Agromec.

Copyright © 2000/2023


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2023

Altri articoli