Slow Wine 2024
Allegrini 2024
INVESTIMENTI ENOICI

Vino: Isa - Istituto Atesino di Sviluppo entra nel capitale di Ethica Wines (di F&F Fine Wines)

Per la holding trentina (che ha Basilica Cafaggio, in Chianti Classico), una minoranza vicina al 50% della società che importa vino italiano in Usa
ETHICA WINES, ISTITUTO ATESINO SVILUPPO, Italia
L’Isa - Istituto Atesino di Sviluppo entra (in minoranza) nel capitale di Ethica Wines

Pur con le sue difficoltà, il vino italiano resta la stella di punta dell’agroalimentare made in Italy, e sul suo futuro c’è chi continua a scommettere. Come Isa - Istituto Atesino di Sviluppo Spa, holding di partecipazioni con oltre 90 anni di storia e un attivo consolidato di 300 milioni di euro, che è entrata con una quota di minoranza (da quanto apprende WineNews non molto al di sotto del 50%) nel capitale di F&F Fine Wines, una delle realtà più promettenti nel mercato dell’importazione di vini italiani in Usa, Canada e Asia-Pacific con il marchio Ethica Wines www.ethicawines.com (che lavora con marchi che vanno da Bellavista a Borgogno, da Cafaggio a La-Vis, da Villa Sparina a Cusumano, da Fattoria Le Pupille a Nino Franco, da Riscasoli a Ridolfi, da Terrazze dell’Etna a Vespa Vignaioli per Passione, per citarne alcuni). “Guidata dal Ceo Francesco Ganz, Ethica Wines importa e commercializza i vini di 57 produttori, eccellenze del Made in Italy, con un’ampia gamma prodotti delle denominazioni delle principali regioni vinicole italiane. Ethica Wines ha chiuso il bilancio 2022 con un fatturato di oltre 82 milioni di dollari ed una forte crescita organica del business, con un turnover realizzato nei due macro-canali di vendita dell’on-trade e dell’off-trade”, e la previsione di toccare i 100 milioni di dollari nel 2024.
L’Isa - Istituto Atesino di Sviluppo Spa ha condotto l’operazione tramite il veicolo Isa Wines nel quale, in un’ottica di club deal, hanno co-investito alcuni qualificati investitori. Il veicolo Twwg, facente capo al Ceo e che coinvolge nell’azionariato anche il top management di Ethica Wines, manterrà il controllo della società, mentre Isa sarà partner finanziario e strategico ed offrirà tutto il supporto nell’ambizioso percorso di sviluppo e crescita di Ethica Wines. “Con l’ingresso in Ethica Wines incrementiamo la nostra posizione nel settore del food & beverage, con un operatore di standing solido e credibile che contribuisce a valorizzare i prodotti del made in Italy nel mondo: contiamo di accompagnare la società nel suo percorso di crescita, dove vi sono grandi opportunità di creazione di valore”, commenta Giorgio Franceschi, ceo Isa (che, nel settore food & beverage, controlla già il 100% di Basilica Cafaggio, in Chianti Classico, a Greve in Chianti, nella Conca d'Oro, ed il 22% del Pastificio Felicetti, in Trentino, ndr). “Innanzitutto voglio ringraziare chi ha creduto nel nostro progetto fin dal 2016 e che oggi, con la cessione delle loro quote ad Isa, trova piena soddisfazione dal capitale inizialmente investito: Ethica Wines continuerà nel proprio percorso entusiasta e consapevole che, grazie alla partnership con un investitore qualificato come Isa, sarà in grado di cogliere ulteriori opportunità di crescita economica e professionale”, ha aggiunto Francesco Ganz, ceo Ethica Wines.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli