Slow Wine 2024
Allegrini 2024
VINO & PSICOLOGIA

Ad ogni personalità il suo vino: lo studio delle Università di Verona e di Macerata

Champagne e Chianti per i più estroversi, Cabernet e Syrah per i bevitori emotivamente stabili
BIG FIVE, FOOD QUALITY AND PREFERENCE, PERSONALITA, PSICOLOGIA, UNIVERSITA DI MACERATA, UNIVERSITÀ DI VERONA, vino, Italia
Vino e personalità

Dimmi che vino bevi e ti dirò chi sei. Uno studio congiunto delle Università di Verona e di Macerata, pubblicato sulla rivista “Food Quality and Preference” (che conferma quanto emerso da un altro studio, australiano, pubblicato nel 2009), ha esaminato le personalità di quasi 1.200 persone di età compresa tra i 18 e gli 87 anni comparandole ai logo gusti in fatto di vini. I partecipanti hanno espresso la loro personalità utilizzando un questionario psicologico che misurava le caratteristiche dei “Big Five” (una tassonomia dei tratti di personalità teorizzata da Robert R. McCrae e Paul T. Costa, il modello più utilizzato nello studio della personalità, sia a livello empirico che teorico, ndr): gradevolezza, coscienziosità, estroversione, stabilità emotiva e apertura mentale. Inoltre, è stato chiesto loro di specificare i loro vini preferiti. 

I ricercatori italiani hanno scoperto che gli estroversi tendono a preferire i vini più acidi, come lo Champagne o il Chianti, mentre le persone simpatiche apprezzano un bouquet complesso e ad alto contenuto alcolico, come un Cabernet della California. I bevitori emotivamente stabili apprezzano i rossi corposi, come il Syrah o il Cabernet Sauvignon, mentre coloro che sono di mentalità aperta possono preferire una bevanda tannica, con un gusto o un odore persistente. Questi profili hanno esaminato fattori come acidità, dolcezza e mineralitàcorpo e livello di tannino di ciascun vino, e sebbene il gruppo di ricerca abbia trovato diversi collegamenti tra i tratti della personalità e i tipi di vino, le persone descritte come “altamente coscienziose” non sembrano essere attratte da alcun tipo di vino in particolare.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli