02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ADNKRONOS

Vino: in Terra Santa una cantina tagliata a metà tra Palestina e Israele è gestita dai salesiani e rappresenta un ponte per il dialogo ... Mai come di questi tempi è importante parlare di dialogo tra culture. Ed in questo senso il vino ha capacita straordinarie. E concrete. Come succede in Terra Santa, vicino a Gerusalemme, dove sorge la cantina di Cremisan, gestita dai Salesiani, riferisce il sito WineNews, i cui vigneti si trovano letteralmente tagliati in due tra Palestina ed Israele. E dove un team di enologi, formato dall’italiano Daniele Carboni, e dai palestinesi Laith e Fadi, che hanno studiato a San Michele all’Adige, porta avanti il progetto che gode della collaborazione “solo per amore e per passione” da Riccardo Cotarella, presidente dell’Associazione Enologi Italiani. Una realtà dal grande valore simbolico, ma anche concreto: “è una cantina nata nel 1752, e dove ai vigneti già esistenti, in cui abbiamo trovato viti anche di 70-80 anni di età - spiega a WineNews Cotarella - insieme all’Università di Hebron e con un grande lavoro di recupero ne abbiamo impiantati altri 7, che sono gestiti, o meglio donati, a contadini palestinesi”. La cantina, dove convivono pratiche antiche portate avanti anche da frati anziani, e know how moderno tutto italiano, una situazione climatica complessa, e una geopolitica ancora più difficile, e la cui guida è affidata a Don Franco, produce tre vini da vitigni autoctoni. “Due bianchi, di cui uno si chiama Hamdani Jandali, dal nome dei due vitigni da cui è prodotto, e per i quali la vendemmia 2013 è andata benissimo - spiega Cotarella - ed un altro che è il Dabouki, che ha sofferto un pò di più perché più sensibile alla malattie, e difficile da gestire in quella situazione, e un rosso, il Baladi, che anche in questa annata promette molto bene. Sono vini che nascono da vigneti sugli 800 metri d’altezza, e che hanno come cifra distintiva l’eleganza e la raffinatezza, piuttosto che la potenza (sui 12-12,5 gradi)”. Ma soprattutto vini che hanno un significato e un valore, che vanno al di là della qualità: fanno vivere in pace, tra i vigneti, persone i cui popoli sono da sempre in guerra.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su