02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BIBLIOTECA ENOGASTRONOMICA

Alla scoperta delle “Cantine storiche d’Italia” in un viaggio illustrato tra architettura e enologia

Margherita Toffolon e Paolo Lauria, autori del volume per “24 Ore Cultura”: “sono quelle che meglio testimoniano il “genius loci” del loro territorio”

Dall’Abbazia di Novacella all’Antica Fratta, da Argiano a Badia a Coltibuono, dalla Badia a Passignano a Nino Negri, dalle Cantine del Notaio alle Cantine Florio, dalle Cantine Pellegrino a Capezzana, da Castel Sallegg a Castello Banfi dal Castello di Brolio al Castello di Monsanto, dal Castello di Montepò al Castello di Neive, dal Castello di Roncade al Castello di Spessa, dal Castello di Volpaia al Castello Nipozzano, dalla Duca Carlo Guarini a Fontanafredda, da Fratelli Gancia a Guerrieri Rizzardi, da Guicciardini Strozzi a Guido Berlucchi, da Il Borro a Marchesi Alfieri, da Marchesi di Barolo a Pio Cesare, dalle Possessioni Serego Alighieri a Principe Pallavicini, da Rocca Bernarda a Tenuta San Leonardo, dalla Tenuta Santa Maria a Villa Le Corti, da Villa Russiz a Villa Sandi: ecco le 38 “Cantine storiche d’Italia. Un viaggio tra architettura ed enologia”, raccontate nel volume illustrato e di grande formato da Margherita Toffolon, architetto e giornalista, e Paolo Lauria, sommelier professionista (dal 18 novembre in libreria e online per “24 Ore Cultura” e che sarà presentato il 19 novembre alla Cascina Cuccagna a Milano per “BookCity Milano”), dopo un lungo lavoro di indagine che ha portato all’individuazione di oltre 500 delle più antiche aziende italiane fino alla selezione di quelle che meglio testimoniano il “genius loci” del loro territorio.
Il racconto delle cantine storiche italiane e di luoghi spesso segreti, datati tra il X e il XIX secolo, diventa nel volume (Edizioni “24 Ore Cultura”, novembre 2022, pp. 272, prezzo di copertina 70 euro) l’occasione per omaggiare le abilità dei nostri antenati e per esaltare il savoir-faire italiano che, creando una perfetta armonia tra pietre e frutti, terroir e rapporto con il paesaggio, permette la realizzazione di vini d’eccellenza che, con i loro territorio, sono tra i più rappresentativi d’Italia. Ma la storia di famiglie, ordini religiosi, produttori spesso sperimentatori o visionari e altre volte veri imprenditori, non solo legati al mondo del vino, è strettamente intrecciata anche a quella degli edifici che ne sono ancora oggi l’abitazione o la sede aziendale. Vicende umane, tecniche di costruzione e viticoltura si intrecciano così per dare vita a un itinerario alla scoperta di piccole e grandi cantine che contribuiscono a rendere il nostro territorio una fonte inesauribile di ricchezza e bellezza a livello internazionale.
Il volume, accanto al racconto di queste straordinarie realtà della produzione vinicola, è corredato da un ricco apparato di immagini che permette ai lettori di scoprire anche la bellezza architettonica di questi luoghi in cui storia, architettura ed enologia si fondono e trovano una perfetta sintesi.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli