02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
COMMERCIO ENOICO

Amazon, due negozi in California per far crescere il wine & spirits con Prime Now

Dopo Los Angeles, l’apertura a San Francisco mira a dare una risposta agli ostacoli legislativi della California alla vendita online
AMAZON, COMMERCIO VINO, E-COMMERCE, PRIME NOW, WINE RETAILER, Mondo
Amazon, un altro passo per conquistare il mercato del vino

Ad Amazon non basta più essere il re delle vendite online, e se qualche analista sembra avere gioco facile nel predire la fine della crescita del gigante dell’e-shop, Jeff Bezos ormai da qualche anno ha deciso di puntare forte su un vero e proprio ritorno al passato, ai negozi di mattoni e cemento, seppure ad altissima tecnologia e con pochi dipendenti. Una svolta che potrebbe, il condizionale è ancora d’obbligo, riguardare anche il comparto enoico, dove Amazon si è affacciata nel 2012, iniziando a spedire vino nei 13 Stati in cui la legge lo permette, per poi rilanciare il proprio impegno nel settore del wine & food nel 2017 con l’acquisto della catena di supermercati Whole Foods Market, con oltre 500 punti vendita in tutti gli Stati Uniti. Adesso, la novità è l’apertura, annunciata dalla stampa Usa, del primo punto vendita di vini e liquori “fisico”, a San Francisco. Una novità che, come rileva il portale wine-searcher, tale non è, perché a Los Angeles un negozio di alcolici aperto da Amazon Prime Now esiste già da febbraio, ma nessuno pare essersene reso conto. La stessa Amazon non l’ha pubblicizzato, e l’impressione è che il nocciolo non sia tanto la volontà di entrare sul mercato fisico degli alcolici, quanto quello di dare una risposta agli ostacoli legislativi che si frappongono tra Amazon e la possibilità di spedire vino ed alcolici nello Stato della California attraverso il servizio Prime Now, che permetterebbe di consegnare la bottiglia ordinata in appena due ore, come avviene già dal 2017, ad esempio, in città come Seattle e Chicago. Tutto, dall’orario di apertura alla superficie, fa pensare ad una mossa squisitamente strategica, per crescere ancora, ma senza entrare in competizione con i retailer “classici”, esattamente come in tutti gli altri settori, dall’abbigliamento all’elettronica.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli