02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
POLITICA & AGRICOLTURA

Approvato il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, entrerà in vigore nel 2021

Il Ministro Gian Marco Centinaio: “per la prima volta è stato affrontato il tema della soglia dei residui nei prodotti biologici”
AGRICOLTURA BIOLOGICA, GIAN MARCO CENTINAIO, MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, Non Solo Vino
Il nuovo regolamento dell’agricoltura bio in vigore dal 2021

Arriva il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica che entrerà in vigore nel 2021. Lo rende noto il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. Adesso si aprirà una finestra di lavoro triennale per mettere a punto il tutto, alla luce anche delle novità in cantiere. “L’Italia - ha detto il Ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio - si conferma leader europeo per l’agricoltura biologica, sia in termini di mercato sia in termini di superfici. Abbiamo tre anni per lavorare alle modifiche necessarie a rendere, ad esempio, ancora più stringenti le regole sulla qualità oppure per lavorare e correggere il tiro su temi come le deroghe o la conversione”.
Centinaio ha approfondito alcune novità che interessano il regolamento. “Vi sono - prosegue il Ministro - anche degli aspetti fortemente innovativi. È stato, ad esempio, modificato il regime di importazione da Paesi Terzi, rendendo più trasparente il sistema di importazione del biologico extra Ue; è stata introdotta la certificazione di gruppo che favorisce le piccole aziende e per la prima volta è stato affrontato il tema della soglia dei residui nei prodotti biologici. I prossimi mesi saranno dunque particolarmente intensi per il lavoro che ci attende a Bruxelles e vigileremo con attenzione sui numerosi atti delegati ed esecutivi che la Commissione è chiamata ad emanare per completare il quadro normativo europeo del biologico”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli