02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ASTA DEL TARTUFO

Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, 145.800 euro da pepite abbinate a grandi rossi piemontesi

All’edizione n. 20 della prestigiosa asta di Grinzane, anche gli stellati Massimiliano Alajmo e Yong Zhang, ambasciatori del tartufo nel mondo
ASTA MONDIALE DEL TARTUFO BIANCO D'ALBA, Italia
I lotti dell'Asta Mondiale del Tartufo d'Alba 2019

Sono 145.800 gli euro raccolti all’Asta Mondiale del Tartufo d’Alba n. 20, in scena oggi al castello di Grinzane Cavour, che ha visto protagonista sotto al martelletto 5 lotti con protagonista preziose pepite piemontesi, in abbinamento ai grandi rossi piemontesi, Barolo e Barbaresco. Un evento glamour, che ha visto battere i succulenti lotti due personaggi della televisione italiana, Enzo Iacchetti e Caterina Balivo, che con ironia e maestria, hanno condotto le offerte. Quattro lotti, composti da un tartufo da 270 grammi, insieme a una magnum di Barolo Cerretta 2014 Davide Fregonese e una magnum di Barbaresco Montubert 2004, aggiudicato per 6.300 euro; il secondo lotto vedeva invece la pepita da 340 grammi, abbinata a una doppia magnum Barolo Sorano 2012 San Biagio, e una magnum di Barbaresco Vanotu 2007 Pelissero, battuto per 7.500 euro; il terzo lotto invece prevedeva un tartufo da 470 grammi, accompagnato da una doppia magnum di Barolo Ciabot Mentin 2010 di Domenico Clerico, una magnum di Barbaresco Boito 2007 di Rizzi, e un panettone Albertengo, aggiudicato dallo chef due stelle Michelin Yong Zhang per 12.000 euro. E per chiudere in bellezza, il pezzo forte dell’asta: una super pepita da 1.005 grammi, accompagnata da una doppia magnum di Barolo Vigna Rionda 2000 Massolino, doppio magnum Barbaresco Rabajà 1985 Giuseppe Cortese, e un panettone Albertengo da 20 chili, battuta in collegamento con Hong Kong, Singapore e Mosca, per 120.000 euro.
Asta, che ha visto tra i protagonisti alcuni degli ambasciatori della famosa pepita piemontese nel mondo, a partire dal tristellato Massimiliano Alajmo, del ristorante Le Calandre di Rubano, chef italiano più giovane a ricevere le tre Stelle Michelin, e grande amante e conoscitore del tartufo, insieme a Yong Zhang, alla guida del gruppo Xinrongji, che mette insieme più ristoranti stellati tra Shanghai e Singapore, che ha portato la cultura italiana del tartufo a Shanghai, entrambi premiati dalle autorità piemontesi per il loro lavoro di divulgazione gastronomica.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli