02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
OLTRE LA PANDEMIA

Barometro Michelin: la lenta ripartenza della ristorazione nel mondo. Aperti il 36% dei locali

I dati al 2 maggio 2021: in Italia, dal 25 aprile, riaperti 101 stellati su 371. Intanto via libera al take away nei bar in zona gialla dopo le ore 18
BAR, BAROMETRO, FIPE, Michelin, RIAPERTURE, RISTORAZIONE, TAKE AWAY, Non Solo Vino
Barometro Michelin: la lenta ripartenza della ristorazione nel mondo. Aperti il 36% dei locali

Per fermare un settore come la ristorazione basta un decreto. Per farlo ripartire, serve molto di più. Considerazione ovvia, ma che nei numeri del barometro Michelin segna la lenta, lentissima ripresa di un settore tra quelli che ha pagato di più la crisi, a livello mondiale. Al 2 maggio 2021, secondo il barometro che monitora le aperture e le chiusure degli stellati nel mondo, la progressione, rispetto al 25 aprile, è minima: si passa dal 33% al 36%, a livello mondo. Con una sostanziale stabilità in Usa (dove siamo intorno al 66%), ed un piccolo sprint in un’Europa ancora a macchia di leopardo (in Francia le prime riaperture partiranno dal 19 maggio, e con il coprifuoco alle ore 19, per esempio), dove, nella scorsa settimana, hanno riaperto 148 locali stellati, di cui 101 in Italia (sul totale di 371). Mentre in Asia si viaggia da mesi a livelli sopra il 90%, soprattutto in Cina, anche se destano più di un pensiero le nuove restrizioni in Giappone, soprattutto nelle prefetture di Tokyo ed Osaka, Kyoto, per una nuova crescita dei casi. Insomma, si prova a ripartire, ma un ritorno alla normalità, senza più il rischio di aperture e chiusure imposte dalla pandemia e delle misure per contrastarla, soprattutto in certi Paesi del mondo, è ancora tutto da conquistare.

Intanto, però, almeno a livello italiano, è arrivata dal Ministero dell’Interno che chiarisce uno punto che ha fatto discutere: il take away per i bar in zona gialla è consentito anche dopo le ore 18, sottolinea la Fipe/Confcommercio.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli