02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
AFFARI

Bollinger investe, per la prima volta, fuori dalla Francia, e compra Ponzi Vineyards in Oregon

La griffe dello Champagne (che controlla anche Ayala) si allarga negli Stati Uniti: cantina, 14 ettari vitati e strutture ricettive nell’accordo
ACQUISIZIONE, BOLLINGER, CHAMPAGNE, OREGON, PONZI VINEYARDS, Mondo
Ponzi Vineyards, la griffe dell’Oregon acquistata da Bollinger

Societé Jacques Bollinger, la holding company della famiglia Bollinger, che controlla l’omonima griffe dello Champagne, ma anche Ayala, Chanson Père & Fils in Borgogna, Delamain in Cognac e Langlois-Chateau nella Valle della Loira, amplia per la prima volta il suo raggio d’azione fuori dalla Francia, e conclude l’acquisizione di Ponzi Vineyards, pioniere dell’Oregon viticolo. Il prezzo dell’operazione, per il momento, non è stato svelato, ma l’accordo comprende la cantina, con una capacità produttiva di 40.000 casse, tutte le strutture destinate all’ospitalità nella Willamette Valley, e 14 ettari vitati, mentre gli altri 40 restano in mano alla famiglia Ponzi, che venderà le uve a Bollinger, secondo i termini di un accordo di lungo termine. Nell’attesa di un nuovo Ceo, intanto, a tenere le redini di marketing e vendite sarà Anna Maria Ponzi, alla guida dell’azienda da trent’anni, quando, con la sorella Luisa Ponzi alla parte produttiva, ha preso il testimone dai genitori, Dick e Nancy, i fondatori della griffe.
Come raccontato dal presidente e Ceo della Societé Jacques Bollinger a “Wine Spectator”, Etienne Bizot, la holding puntava un ampliamento in Usa già da quattro anni. “La scelta dell’Oregon, e quindi della Willamette Valley, è dettata dalle similitudini, da un punto di vista climatico, con Borgogna e Champagne. Ci abbiamo messo del tempo, perché investire in Usa non è affatto una scelta semplice”. Anche se, a ben vedere, per i grandi gruppi dello Champagne sembra diventata una moda. Bollnger, Oltreoceano, arriva dopo Moët Hennessy (Newton), Taittinger (Domaine Carneros), Roederer (Roederer Estate), GH Mumm (Mumm Cuvée Napa Brut) e Pommery (Louis Pommery California).

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli