02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2024
IL TEMA

Carne coltivata, Slow Food : “non si riduca tutto a battaglia ideologica, si apra una riflessione”

Barbara Nappini, presidente Slow Food Italia: “tema che riguarda sistema alimentare, suolo, paesaggio, cultura del cibo e sovranità alimentare”
Carne coltivata, SLOW FOOD ITALIA, Non Solo Vino
Carne coltivata, Slow Food : “no a battaglia ideologica, si apra una riflessione”

Continua a far discutere e dibattere la legge del Governo italiano, voluta fortemente dal Ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida, per vietare commercializzazione e produzione (quando in Europa si potrà effettivamente farlo) della cosiddetta “carne coltivata”. E se Coldiretti, da sempre sostenitrice della misura, sottolinea come sia “stata depositata al Parlamento francese la proposta di legge “per vietare la produzione, la lavorazione e la commercializzazione di carni sintetiche in tutto il territorio nazionale”, nell’interesse della salute umana, della salute degli animali e dell’ambiente”, citando l’iniziativa di un gruppo di parlamentari dell’Assemblea Nationale di Francia, appartenenti al partito Les Républicains, “che ha presentato una pdl che segue di fatto quella appena approvata dal Parlamento italiano”, per Slow Food, anche lei in linea di massima “contro” la carne coltivata (qui la posizione ufficiale), non si deve correre il rischio di ridurre “a battaglia ideologica un tema complesso, che ha a che fare con il sistema alimentare, il suolo, il paesaggio, la cultura del cibo e la sovranità alimentare. Il divieto alla produzione e vendita della carne coltivata secondo Slow Food non chiude la discussione: la apre” afferma Barbara Nappini, presidente Slow Food Italia, commentando il disegno di legge proposto dal Governo e firmato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
“Non possiamo ridurre a battaglia ideologica un tema complesso, che ha a che fare con il sistema alimentare, il suolo, il paesaggio, la cultura del cibo e la sovranità alimentare. Non servono provvedimenti che vietino la produzione e la vendita di alimenti prodotti da colture cellulari o tessuti di animali come quello appena divenuto ufficialmente legge, ma informazioni corrette, che consentano a tutti di scegliere. Proibire è una scorciatoia. Serve un’analisi onesta, capace di accogliere la complessità”. Il cibo, sottolinea Slow Food, non è un carburante per far funzionare l’organismo, somma algebrica di proteine, grassi e carboidrati. “Il cibo è prima di tutto espressione culturale, linguaggio. È parte integrante dell’identità dei popoli, frutto di saperi, tradizioni, innovazioni, scambi di conoscenza. Secondo Slow Food, il problema di un’eccessiva produzione di carne non si risolve passando dagli allevamenti intensivi ai laboratori, ma si affronta analizzando e modificando il modello che ha originato questa distorsione. Un modello che ha trasformato l’agricoltura in industria e l’ha consegnata alla finanza, spezzando il suo legame con la terra e la natura, trasformando un’attività circolare (dove nulla era scarto) in un settore che produce più del 30% delle emissioni di CO2, inquina la terra e l’acqua, compromette la nostra salute. E fa tutto questo in nome di una popolazione in crescita da sfamare, nascondendo la verità di un cibo prodotto per essere in buona parte sprecato. “Oggi una manciata di multinazionali controlla quasi tutto: la produzione di semi, fertilizzanti chimici, pesticidi, mangimi, prodotti farmaceutici; la genetica animale, l’allevamento, la macellazione, la distribuzione; perfino le compagnie nautiche che trasportano mangimi e farine attraverso il globo” continua Nappini.
È sufficiente dare un’occhiata all’elenco dei finanziatori della ricerca sulla carne coltivata per capire quale sia la direzione: da Bill Gates a Sergey Brin di Amazon a Richard Branson della Virgin Group. Ma anche JBS, Cargill e Tyson Foods, ovvero le stesse multinazionali che controllano la filiera della carne. Di fatto, proprio chi è fra i principali responsabili della deriva attuale dell’allevamento (e ne detiene il controllo a livello globale), ora che il settore inizia a intravedere minacce all’orizzonte investe sulla carne coltivata usando gli stessi strumenti e gli stessi schemi: brevetti e monopoli.
L’invito che lancia oggi Slow Food Italia è proprio su questo: “Vogliamo aprire una riflessione su un modello diverso di allevamento, che si ponga onestamente delle domande sull’accesso alle risorse naturali e sul diritto alla sovranità alimentare” conclude Nappini. Quello su cui Slow Food lavora da anni attraverso i propri progetti: un modello che si ricolleghi al suolo, al foraggio dei prati stabili e dei pascoli, che tenga in considerazione l’etologia degli animali e la rispetti. Su regimi alimentari più equilibrati, che prevedano una riduzione del consumo di carne e un incremento dell’apporto proteico vegetale, tramite i preziosi legumi, che arricchiscono il suolo e richiedono poca acqua. Su un sistema alimentare che produca un’economia diffusa, salute, benessere; che generi bellezza e non deturpi il paesaggio; che tuteli la biodiversità; che contrasti lo spopolamento delle aree interne (il 70% del territorio italiano) sostenendo le piccole aziende che presidiano le terre alte e le preservano dal dissesto idrogeologico (aziende che continuano a chiudere a favore di stabilimenti di pianura sempre più grandi).

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli