02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ECONOMIA E AGRICOLTURA

Confagricoltura: “serve la proroga del Dl Liquidità. Lo Stato sia garante per rinegoziare i debiti”

La più grande organizzazione delle imprese agricole sulle modifiche alla Legge di Bilancio. “No a commissioni per garanzie pubbliche sui prestiti”
Confagricoltura, GIANSANTI, MANOVRA, Non Solo Vino
Il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti

“L’aumento dei prezzi delle materie prime e del costo delle bollette energetiche si sta abbattendo sulla capacità produttiva delle imprese agricole italiane. Ad aggravare la situazione si aggiunge la scadenza, fissata al 31 dicembre 2021, delle moratorie di legge per le aziende messe in crisi dall’emergenza sanitaria. Le risorse previste dal Pnrr alimentano l’ottimismo per il 2022, ma è importante assicurare la continuità delle misure già in corso”. Lo sottolinea Confagricoltura, in una fase politica in cui si fa sempre più intensa la discussione sulle modifiche alla Legge di Bilancio. “Si fa ancora più impellente la necessità di estendere la proroga del Decreto Liquidità, attualmente fissata a giugno 2022, a tutto il prossimo anno. Inoltre, è necessario che lo Stato faccia da garante nella rinegoziazione dei debiti delle imprese”, sottolinea l’organizzazione delle imprese agricole guidata da Massimiliano Giansanti.
Secondo cui la rinegoziazione deve avere come obiettivo l’allungamento dei finanziamenti per consentire alle imprese agricole il tempo necessario per far fronte ai propri impegni. “Solo in questo modo sarà possibile sostenere il processo di riequilibrio finanziario in corso nel settore e la predisposizione agli investimenti. Si tratta di interventi necessari per un comparto in cui sono presenti molte aziende ancora poco strutturate nella gestione finanziaria e con conseguenti difficoltà di accesso al credito”.
Confagricoltura, poi, giudica negativamente la previsione in Bilancio del pagamento, a partire dal 1 aprile 2022, “di una commissione per il rilascio delle garanzie pubbliche sui prestiti: è importante assicurarne la gratuità, anche in vista della scadenza delle moratorie”. Positivo è il rifinanziamento delle risorse all’agricoltura gestite da Ismea, e del Fondo Pmi, affidato a Mediocredito Centrale: è una decisione utile per la liquidità e per lo sviluppo di iniziative imprenditoriali, anche femminili. Ma l’auspicio di Confagricoltura è che arrivi una maggiore dotazione anche per le altre misure di agevolazione dell’accesso al credito.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli