02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
DISTRIBUZIONE

Coop, bilancio 2021 a 14,3 miliardi di euro, per il 12,5% del mercato della Gdo

Marco Pedroni e Maura Latini confermati presidente e ad, con l’insegna, tra il leader del retail del Belpese, che punta forte sui prodotti a marchio
COOP, GDO, LATINI, PEDRONI, Non Solo Vino
Marco Pedroni presidente Coop Italia

Il 2021 di Coop e delle cooperative associate all’insegna della stabilità. Un giro d’affari complessivo pari a 14,3 miliardi (13,2 solo dalla parte retail), una quota di mercato nella grande distribuzione al 12,5% e alcuni indicatori economici importanti sostanzialmente confermati: l’occupazione generata si attesta sui 56.000 dipendenti, la percentuale di donne in ruoli direttivi sale al 34%. Il prodotto a marchio raggiunge i 3 miliardi di euro con una incidenza del 30% sul totale vendite. Sono oltre 6,4 milioni i soci Coop (oltre un quarto delle famiglie italiane è co-proprietaria delle 78 cooperative associate) con una prevalenza di donne. CoopVoce, l’operatore di telefonia mobile di Coop, sfiora i 2 milioni di clienti. Sono i principali numeri che fotografano il 2021 emersi nell’assemblea di bilancio di Coop Italia che ha anche rinnovato il cda Coop Italia confermando Marco Pedroni presidente, Antonio Bomarsi vice, e Maura Latini in veste di Ad.
Numeri che fotografano un anno che ha visto prima il riemergere della fiducia generata dall’attenuarsi della pandemia e successivamente il prevalere di elementi di inquietudine dettati dall’avvio della spirale inflattiva, dagli effetti climatici sulla produzione di energia e dai primi ancora sotterranei, ma già percepiti riflessi sul carrello della spesa degli italiani.
Sul versante delle performance economiche nell’esercizio del 2021, tutte le grandi e medie cooperative raggiungono il pareggio di bilancio o vi si avvicinano significativamente. L’utile d’esercizio aggregato torna positivo dopo 4 anni e risulta pari a mezzo punto percentuale sulle vendite, mentre l’Ebitda complessivo si approssima al 5%. Il patrimonio netto sale a quasi 6,6 miliardi di euro mentre il prestito sociale si attesta poco sotto gli 7,9 miliardi con oltre 1 milione di soci prestatori a cui le cooperative hanno distribuito 22 milioni di interessi.
Per Coop è stato anche l’anno di avvio del progetto di riposizionamento che porterà a scaffale una volta a regime 5.000 nuovi prodotti (tra proposte fino ad oggi inedite, riformulazioni e cambi di packaging) che innoveranno l’offerta del 50% sia andando a coprire interi segmenti di mercato un tempo non frequentati dalla marca di un supermercato (vuoi per occasioni di consumo specifiche o per la particolare materia prima utilizzata e/o la complessità della formula nutrizionale) o ampliando significativamente le gamme già in essere. Già a fine 2021 sono approdate alla vendita la nuova linea dei “rossi” (la linea di pomodori e derivati), ora sono entrati i prodotti per la prima colazione, per un primo totale di oltre 700 referenze. Il progetto prosegue con un ampio mandato ai vertici di Coop Italia di completare il lavoro nei prossimi 20 mesi. Al centro dell’iniziativa resterà prioritaria la difesa del potere di acquisto dei soci e dei consumatori Coop”. In un anno tutto è cambiato. Avevamo chiuso il 2020 contrassegnato dalla pandemia e dal lockdown e fino a prima dell’estate guardavamo con speranza al futuro. Poi le difficoltà ulteriormente acuite oggi da una guerra poco lontano da noi di cui non conosciamo gli esiti - commenta Marco Pedroni, presidente Coop Italia e Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori) - già l’anno scorso Coop ha deciso di investire sul proprio prodotto a marchio volendo estendere l’offerta e così garantendo accessibilità di prezzo e al tempo stesso qualità e trasparenza ai propri soci e consumatori, elementi tanto più necessari in una congiuntura così avversa con un’inflazione che rischia di toccare il 10% nel 2022. Coop ha contenuto fino ad ora gli aumenti, ma è prevedibile che l’inflazione aumenterà; il prodotto a marchio rappresenta anche da questo punto di vista un presidio di garanzia”.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli