02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ECONOMIA

Dal “Craft Beverage Modernization & Reform Act” un bel risparmio per gli importatori Usa

La riforma, che entrerà in vigore in via definitiva nel 2023, garantisce un credito di un dollaro a gallone per i primi 30.000 galloni di vino
CRAFT BEVERAGE MODERNIZATION & REFORM ACT, IMPORT, PRODUZIONE, SCONTO FISCALE, USA, vino, Mondo
Esportare in Usa e risparmiare

Sconosciuto a molti, almeno in Europa, sfruttato ancora da pochi, ma il “Craft Beverage Modernization & Reform Act”, entrato in vigore negli Stati Uniti, seppure in maniera provvisoria, nel 2018, è una riforma che ha portato ad un considerevole taglio delle accise federali per produttori di birra, vino e distillati, ma anche per gli importatori, attraverso un sistema di credito d’imposta a più livelli per il vino prodotto o importato negli Stati Uniti, che garantisce un credito di un dollaro a gallone per i primi 30.000 galloni di vino, 0,90 dollari per i successivi 100.000 galloni e e 0,535 dollari per i successivi 620.000 galloni. Pensato per rendere più competitivi i piccoli (produttori ed importatori), attraverso un taglio indirettamente proporzionale alle quantità, il “Craft Beverage Modernization and Reform Act” entrerà in vigore in via definitiva (rendendo così permanente lo sgravio fiscale), anche grazie alle pressioni fatte dal settore enoico Usa, dall’1 gennaio 2023. Il sistema non sarà gestito dalle dogane, ma dall’Alcohol and Tobacco Tax Bureau (TTB) degli Stati Uniti, cui dovranno fare riferimento sia i produttori che gli importatori: sono loro che, una volta sbrigata la burocrazia, possono garantirsi un risparmio di ben 36.000 dollari a container importato in Usa, che rappresenterebbero una boccata d’ossigeno anche per i produttori.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli