02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CLIMA PAZZO

Dal lambrusco ai kiwi, il maltempo in Nord Italia causa milioni di euro di danni

Colpite mele e pere in piena fase di raccolta, e la vendemmia agli inizi. Coldiretti: conseguenze del cambiamento climatico
AGRICOLTURA, CLIMA, Coldiretti, MALTEMPO, VIGNETI, Italia
Dal lambrusco ai kiwi, il maltempo in Nord Italia causa milioni di euro di danni

Dai vigneti di Lambrusco Salamino con i grappoli che sono stati violentemente sbattuti a terra alle pere Abate nel Modenese che si fregiano del marchio Dop dell’Unione Europea, fino ai pregiati kiwi di Verona, dove sono stati colpiti i vigneti della Valpolicella dove, dalle stime del Consorzio, risulta colpito in modo duro il 5% dei vigneti a denominazione. Emerge dal primo monitoraggio Coldiretti sugli effetti della devastante ondata di maltempo che ha investito le regioni del nord, dall’Emilia Romagna al Veneto, con milioni di euro di danni nelle campagne dove si contano alberi da frutta divelti, filari di vite abbattuti, serre e raccolti distrutti e stalle allagate dal violento nubifragio.

L’ultima perturbazione con vento forte, precipitazioni violenti e grandine dalle dimensioni anomale, sottolinea la Coldiretti, ha colpito a macchia di leopardo nelle campagne dove in molte aziende agricole è andato perduto un intero anno di lavoro ma si contano anche pesanti danni strutturali. Le reti antigrandine poste a protezione della frutta pronta per la raccolta sono state devastate dalla furia del clima che non ha risparmiato neppure i grappoli di uva prossimi alla vendemmia. Sott’acqua sono finite intere coltivazioni di ortaggi e soia ma anche frutteti di mele e pere con allagamenti di ricoveri e stalle.

L’ultima perturbazione di agosto ha colpito a macchia di leopardo il Nord Italia facendo salire il conto dei danni a livello nazionale, in un mese segnato da 5 grandinate e bombe d’acqua ogni giorno lungo la Penisola, secondo un’analisi della Coldiretti su dati ESWD, che, in poche decine di minuti, hanno spesso distrutto un intero anno di lavoro degli agricoltori.
Siamo di fronte, conclude la Coldiretti, alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con grandine di maggiori dimensioni, una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli