02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
TREND

Dopo il lockdown anche in vacanza: gli italiani, al mare o in montagna, non rinunciano a cucinare

Tornano di gran moda gli appartamenti in affitto e dotati di cucina. Il menù? Piatti semplici, veloci e leggeri ma da consumare in compagnia
Cucina, ITALIANI, MENU, VACANZA, Non Solo Vino
La cucina, passione italiana anche in estate

Sarà che non si è ancora fermato l’effetto lockdown quando gli italiani hanno riscoperto il gusto di mettersi ai fornelli. Un trend che continua anche in vacanza dove non vogliamo proprio rinunciare al piacere della “cucina fai da te” estiva. Per tre italiani su cinque, infatti, cimentarsi ai fornelli è ritenuta tra le attività più rilassanti durante le ferie, preceduta solo dal vivere la natura (85%) ma seguita dallo sport (49%) e dalla lettura (37%). Lo sostiene una ricerca di Lagostina, storica azienda italiana produttrice di pentole a pressione e pentolame in acciaio inossidabile, realizzata su un campione di 1200 italiani, suddivisi equamente tra nord, centro e sud Italia. Complice l’estate post emergenza Covid-19, tra chi sceglierà di non viaggiare ben l’86% dichiara che cene e pranzi in casa con familiari e amici saranno i momenti di svago prediletti. Non solo per il piacere di farlo (63%), ma anche perché ritenute le occasioni più sicure (56%) per divertirsi e stare in compagnia. Un trend che si conferma anche per chi, invece, in vacanza ci andrà. Infatti, secondo una recente indagine di Demoskopika quattro italiani su dieci che andranno in vacanza sceglieranno soluzioni ricettive ritenute più sicure e dove è garantita la possibilità di cucinare: tornano di gran moda l’appartamento preso in affitto (18,9%), la seconda casa di proprietà della famiglia (17,4%) ma anche l’ospitalità da parenti o amici (5,2%). Ma le ferie son sempre ferie e il 73% del campione intervistato ha dichiarato che si orienterà su piatti semplici, veloci e leggeri.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli