02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
FOOD PHOTOGRAPHY

Due italiani su tre fotografano il cibo prima di mangiarlo, è food photography mania

Secondo la ricerca di Wmf, italiani attenti all’aspetto estetico del piatto oltre che alla sua bontà
CIBO, FOOD PHOTOGRAPHY, FOTO, ITALIANI, Non Solo Vino
Piatti pronti, preparazioni e selfie ai fornelli: così gli italiani fotografano il cibo

Si mangia prima con gli occhi, avremmo detto prima dell’avvento dell’era digitale. Nel 2019, quando tutti possiedono uno smartphone possiamo affermare che si scatta una foto prima di mangiare. Sarebbero, infatti, 2 italiani su 3 a fotografare il cibo prima di consumarlo, secondo quanto afferma la ricerca compiuta su un campione di 800 internauti italiani e curata da Wmf, brand tedesco di elettrodomestici da cucina. Per il 91% degli intervistati è fondamentale che un piatto sia, oltre che buono, anche bello da vedere e da fotografare. E quindi spinti da una velleità artistica o, più probabilmente, dalla voglia di condividere sui social network ecco che ogni appuntamento mangereccio diventa l’occasione per immortalare un piatto.
I dati della ricerca sono stati diffusi nel workshop “Food Photography”, a cura di Wmf, che ha visto la presenza di Valerio Braschi, il giovane vincitore di Masterchef Italia 6 e fotografi professionisti.
Secondo la ricerca, i trend fotografici più in voga tra gli italiani sono i piatti pronti che rappresentano l’81% degli scatti, seguiti dalla preparazione del piatto con tanto di ingredienti e strumenti del mestiere, al 63%. Invece, i selfie ai fornelli sono ‘solo’ il 47%. Tra i momenti goderecci troviamo al 21% l’atto del mangiare e il 36% il brindisi.
I soggetti più immortalati dagli scatti di smartphone e reflex varie sono la pizza, fotografata dall’85% degli intervistati, seguita da sushi (66%), pollo (61%), insalata (57%), pasta (51%), burger e panini (46%), uova (39%), bistecca (27%) e avocado (23%).

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli