02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Esclusiva WineNews - Il mercato degli investimenti non si ferma, e l’Amarone torna ad abbracciare il Brunello: Tommasi Family Estates, storica realtà della Valpolicella Classica, acquisisce 22 ettari a Montalcino della Fattoria Casisano Colombaio

Italia
La famiglia Tommasi al gran completo

Il mercato degli investimenti su vigneti e cantine non è mai stato così vivace come negli ultimi mesi, e l’ultima acquisizione riguarda due dei territori più prestigiosi della produzione enoica del Belpaese, con l’Amarone che abbraccia il Brunello, dove un ettaro vitato è quotato sui 400.000 euro. La famiglia Tommasi, storica realtà della Valpolicella Classica, come WineNews è in grado di anticipare, aggiunge un’altra freccia alla faretra del progetto Tommasi Family Estates (www.tommasi.com), con un nuovo investimento a Montalcino: Fattoria Casisano Colombaio (www.brunello.org), 53 ettari, di cui 22 ettari a vigneto tra Brunello e Rosso di Montalcino e 12 ettari a oliveto, tra l’Abazia di Sant’Antimo e la vallata del Fiume Orcia.
Il progetto Tommasi Family Estates, partito nel 1997, con l’ingresso in azienda della quarta generazione della famiglia, raggiunge così la piena maturità, dopo un lungo percorso di crescita che ha portato la griffe dell’Amarone ad investire, ed a valorizzare, le eccellenze vitivinicole italiane, segnando importanti investimenti in zone altamente vocate. All’inizio, c’è stato il consolidamento dell’azienda di famiglia, Tommasi Viticoltori, in Valpolicella Classica, con il vigneto “La Groletta” e “Conca d’Oro”, prestigiosi cru per la produzione dell’Amarone; quindi è stata la volta di Poggio al Tufo, nel cuore della Maremma Toscana, nei Comuni di Pitigliano e Scansano, per scendere poi in Puglia a Manduria a produrre il Primitivo, con Masseria Surani; di nuovo a Nord, poco meno di un anno fa, per aggiungere al mazzo un’altra carta, Tenuta Caseo, nell’Oltrepò Pavese, patria del Pinot Nero.
“La nostra filosofia e volontà - spiega il presidente Dario Tommasi - è quella di dare prestigio e risalto ad ogni territorio, mantenendone l’identità e cercando di esprimerne il potenziale al meglio, integrandoci con le realtà presenti, facendo sistema. Oggi abbiamo 550 ettari vitati in diverse zone viticole italiane, da Nord a Sud. Vogliamo rappresentare il meglio del made in Italy nel nostro Paese e nel Mondo. È un grande impegno economico, principalmente sostenuto dalla Banca Popolare di Verona del Gruppo Banco Popolare, che ci ha sempre appoggiato in ogni iniziativa”.
Oltre a Tenuta Caseo in Lombardia, la storica Tommasi Viticoltori in Veneto, Masseria Surani in Puglia, Poggio al Tufo in Maremma e Fattoria Casisano Colombaio a Montalcino, la galassia della famiglia Tommasi vanta anche un ramo d’azienda dedicato all’hospitality, di cui fanno parte il Villa Quaranta Park hotel, l’Albergo Mazzanti, e lo storico ristorante Antico Caffè Dante a Verona, e l’agriturismo Poggio al Tufo, nell’azienda maremmana di Tommasi Family Estates.

Copyright © 2000/2023


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2023

Altri articoli